Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Edoardo Grimoldi

Il mantello


Scegli la pagina:
Dopo un'interminabile attesa, quando la speranza già cominciava a morire, Giovanni ritornò alla sua casa. Non erano ancora suonate le due, sua mamma stava sparecchiando, era una giornata grigia di marzo e volavano cornacchie.
Egli comparve improvvisamente sulla soglia e la mamma gridò: "Oh benedetto!" Correndo ad abbracciarlo.
Anche Anna e Pietro, i due fratellini molto più giovani, si misero a gridare di gioia. Ecco il momento aspettato per mesi e mesi, così spesso balenato nei dolci sogni dell'alba, che doveva riportare la felicità.
Egli non disse quasi parola, gli costava troppa fatica trattenere il pianto. Aveva subito deposto la pesante sciabola su una sedia, in testa portava ancora il berretto di pelo.
"Lasciati vedere", diceva tra le lacrime la madre, tirandosi un po' indietro, "Lasciati vedere quanto sei bello. Però sei pallido, sei.".
Era alquanto pallido, infatti, e come sfinito. Si tolse il berretto, avanzò in mezzo alla stanza e si sedette. Che stanco, che stanco, perfino a sorridere sembrava facesse fatica.
"Ma togliti il mantello, creatura" disse la mamma, e lo guardava come un prodigio, sul punto di esserne intimidita; com'era diventato alto, bello fiero (anche se un po' troppo pallido).
"Togliti il mantello, dammelo qui, non ... [segue »]

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Edoardo Grimoldi

    Commenti


    35
    postato da , il
    allora ti amo GIORGIAAAA
    34
    postato da , il
    alessio è il mio  MAPS
    33
    postato da , il
    Bellissimo questo racconto..
    32
    postato da , il
    il mio maps spongebob
    31
    postato da , il
    ti vojo piu ke mai <g<

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.96 in 69 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti