Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Luigi Contu

Il giorno del giudizio

Come in una di quelle assurde processioni del paradiso dantesco sfilano in teorie interminabili, ma senza cori e candelabri, gli uomini della mia gente. Tutti si rivolgono a me, tutti vogliono deporre nelle mie mani il fardello della loro vita, la storia senza storia del loro essere stati... [continua a leggere »]
Salvatore Satta
Vota il racconto: Commenta