Scritto da: Giuseppe Catalfamo

Notte d'estate... con la finestra aperta

Ore 3.48, odo in lontananza la voce di Gianni (era nascosto dietro la porta della camera) che con tono fra il perentorio e lo spaventato dice "Paola, Paola, svegliati e vieni subito qui".
Io che sono incapace di ragionare eseguo l'ordine come un automa, senza un perché, vado dietro la porta e... [continua a leggere »]
Paola Bizzarri
Composto mercoledì 12 agosto 2009
Vota il racconto: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di