Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Andrea Manfrè

La brioche abbrustolita e il cliente dei sogni

Era lì. La figura si stagliava netta sul contorno della porta d'ingresso, sottolineata, per contrasto, dalla luce del mattino. Era lì, sospeso nel tempo infinitesimo tra l'istante in cui la sua mente ne aveva percepito la presenza e quello in cui l'aveva riconosciuto. Abito grigio, cravatta blu... [continua a leggere »]
Elisabetta Tedeschi
Vota il racconto: Commenta