Questo sito contribuisce alla audience di

Storia di un bambino di strada

Capitolo: Introduzione

Scegli la pagina:
Era una mattinata di metà novembre e sebbene il cielo risplendesse di un azzurro sfumato dal candore delle soffici nuvole, la temperatura era piuttosto fredda e i raggi del sole sembravano arrendersi davanti a quel gelo così pungente che aveva avvolto il risveglio della città. Nonostante tutto il quotidiano ritmo caotico il traffico urbano prendeva vita tra le strade invase dalle lunghe code di auto che affollavano l'asfalto ancora umido. Seduta sul marciapiede freddo, una giovane madre tendeva la mano tremante verso gli sguardi distratti dei pedoni che acceleravano il loro passo con la solita aria d'indifferenza e fingevano di non essersi minimamente accorti di quell'invisibile presenza che supplicava l'elemosina. Con l'altra mano strinse forte al suo petto il piccolo che dormiva sereno nel suo grembo, ignaro di tutto ciò che lo circondava. Le sue fini braccia penzolavano molli verso il marciapiede e le tenere mani volgevano i loro palmi al cielo. Le maniche della maglietta arrivavano a metà avambraccio scoprendo la chiara carnagione mentre i suoi pantaloni avevano una toppa in corrispondenza delle ginocchia. La testa ricadeva all'indietro con una folta chioma riccioluta che riluceva di un castano scuro a cui si sovrapponevano ciocche color grano. Il suo volto ... [segue »]

Immagini con frasi

    Info

    Dedica:
    Dedicato a quel bambino dai capelli color grano che in una fredda mattina d'inverno del 2011 dormiva tra le braccia di sua madre che chiedeva l'elemosina in un marciapiede.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:5.60 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti