Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Lella Frasca

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Lella Frasca

Quota sessanta

Ce dicono de quann'eri regazzino
eri scatenato e pure da neonato sartavi dar passeggino
ch'eri bbono, diligente ma assai vivace
è mpazziva l'elvira pe quanto eri loquace
erì ngordo, affamato e vorace
e zottavi a viki la merenda puntuale
pe mettete a letto dovevi sta male
e tutti pronti cor piramidone ma: mejo er diggiuno era acetone
tu soffrivi è mploravi carletto
pe avè de nascosto un grissino a letto
mamma leda e l'elvira, povere donne
pe te passavano la notte insonne
mentre re pipino pe carità
guai a disturballo che va a lavorà
allo studio medico der pian terreno
c'era allora maucci che t'aspettava sereno
t'ha ricucito a lingua, quella tanto loquace
co dù punti in più pe avè un po de pace.
Cor nuoto arivarono le prime affermazzioni
e pure a scola davi granni soddisfazzioni.
Te divertivi a cascina co nonno aldo
che tè ncollava e mani pe fatte sta fermo
e quanno annavi in giro co nonno marino
gridata a tutti: hardate evviè da rroma er mi nipotino.
Passava er tempo e da piccino, tutto riccioluto
sei diventato n'omo granne e paffuto,
liscio liscio sur cuoio capelluto
e dar linguaggio sempre molto più evoluto.
Un granne medico da tutti riconosciuto
che quanno chiama la randone
pji e cori a tutte l'ore.
Un padre premuroso e ormai è palese
che la domenica co andrea se va a porta portese.
Un fjo che cura er padre tutto l'anno
e ce condivide guardacaso pure er compleanno
coll'aiuto e la complicità de la signora anna
che l'angelo dar cielo va portato come na manna.
N'amico pe noi tutti, generoso e disponibile
e vojo proprio vede se stasera rimani imperturbabbile.
Auguri de core marco, de na bbona vita
de gioia, de salute e de felicità sempre in salita.
Sognavi l'occhi azzurri e li riccioli bionni
ma forse oggi hai sogni petalosi e più profonni.
E mo a noi che stamo qua a festeggià
pe volontà e piacere der tuo papà
a sessantanni tu cosa arisponni?
Un brindisi pe Marco e per Enrico.
Composta martedì 1 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Cronaca de Natale

    La gente campa co li vivoli 'n saccoccia
    usata da na cricca de fjii de na mignotta
    che co la scusa de fa politica sociale
    s'è 'mbertata li sordi nostra pe mezzo der senzale
    Sto monno è fracico: nun cè più morale,
    s'affanna anche Francesco a gridà dar Sacro Papale:
    chi mòre, chi ammazza, chi scippa e chi sta male,
    'gni giorno na crònica ar teleggiornale.
    Le famije vanno sempre giù in discesa
    che pe pagà e tasse nun fanno manco più la spesa:
    l'Imu, l'Iva, l'Irpef, Tasi e Tari,
    vai sempre sotto e nun stai mai alla pari.
    Propprio pe questo ce chiàmano "er monno de sotto"
    perché 'nmezzo ce sta er balordo ghiotto
    e a quello de sopra sempre lui, er politico corotto.
    Er premìer ce vole tutti giovani e contenti
    e ce ricconta che lavora SOLO cor governo ai "cambiamenti"
    mesà che sè so tutti come a riforma dell'lavoro
    stai fresco ad aspettà che a merda se trasformi in oro.
    Er Popolo è stremato e pure un po' 'ncazzato
    e t'ha riempito e piazze assieme ar sindacato,
    se poi a le votazzioni er seggio ha disertato,
    occhio a sottovalutallo quanno se sente trascurato.
    Sto monno è marcio, nun cè più morale,
    speriamo che a ridajela stavorta ce penzi er Tribbunale:
    nun è mica nà cazzata, er fatto è propprio grave,
    qua se fa morì a gente co n'servaggio malaffare.
    La pena à da esse dura e assai severa
    ogni Romano onesto li vole vedè ammuffì tutti 'ngalera.
    Stavorta nun ce stamo a fa sempre li cojoni
    e pe chi governa "zozzo" so già pronti li schiaffoni.
    Volevamo un Natale in santa pace
    ma co tutte ste tristezze st'anno propprio nun ce piace.
    Pure Re Giorgio scappa e lascia la portrona,
    speriamo che stavòrta, armeno sia la vòrta bbona,
    a mettece na bella pezza su sta strana umanità
    co USA e CUBA er miracolo l'ha fatto Santità!
    Questo è er solo vero cambiamento
    che dona un Natale de Amore e de pace a tutto er firmamento!
    Auguri Monno.
    Composta venerdì 19 dicembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      Un cinquantenne nero nero

      Alain Mulap: amico e fratello!
      Quanti ricordi cari e quanto era bello
      Le giornate a casa passate in allegria,
      con grandi tavolate e mangiate di energia!

      Arrosti, melanzane, peperoncino e vino
      tanto che a fatte compagnia c’era sempre papà Dino!
      Ogni volta che partivi s’aspettava il tuo ritorno
      e intanto pensava a preparatte carbonara e un buon contorno!

      Quante corse per accompagnarti all’aeroporto
      aspettando che tu all’ultimo minuto fossi pronto!!!
      E quando alla Befana hai bevuto a piu’ non posso
      che dritto dritto co la macchina sei finito dentro un fosso?

      Grande Alain! Te sei specializzato,
      sei volato in Congo a prenderti Lilas e te sei sposato
      oggi ch’avete due belle creature
      e pensate a falli cresce ben educati e senza censure

      Sei generoso, gentile e buon apprezzatore dei valori,
      sei coscienzioso ed ami la vita e gli onori!
      Oggi che fai cinquant’anni
      nun te poggià sull’attaccapanni,
      vivi felice con la famiglia
      e ubriacate con na bella bottiglia!

      Noi te famo tanti auguroni de felicità
      per tanti tanti anni de anzianità,
      A te! Fratello nero…
      e grande avventuriero
      che hai arricchito la famiglia col sorriso
      ricorda che c’è anche Dino che te protegge dal Paradiso
      Composta sabato 4 giugno 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca

        'n friccico ner còre

        Me devo dedicà n' autoritratto,
        ce devo mette er bene e pure er male
        da ragazzetta na fantasia nun me sé avverata
        e poi doppo un ber po' me so' sposata!

        Quarcuno l'ha chiamato "n friccico ner còre"
        pe me era sortanto er primo amore,
        poi co la vita 'mpari che nun serve core,
        provi solo stanchezza e tanta delusione.

        Me sembra de sentì na voce: scusa ma nun te guardi ne lo specchio?
        Nun hai capito ch'oramai sei vecchio?
        Pure se l'anni m'hanno un po' infiacchito
        dono ar monno sempre amore limpido e pulito!

        Oggi me devo ricordà ch'è er compleanno mio!
        Auguri Rita è mejo che ce penso io,
        anche se la salute è traballante
        oggi è il tuo giorno importante!

        Allora è mejo festeggià co li colleghi mia
        giovani, forti e pieni d'allegria,
        se famo un brindisi veloce sulla scrivania
        e come d'incanto me sparisce la malinconia!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lella Frasca

          Lo zio Pino

          Tra'n caffè e'n cappuccino
          dietro ar banco tutto chino
          cinquant'anni fà zio Pino!
          Sempre'n piedi a faticà
          e nun osa mai abusà
          manco se a casa a moje
          già l'aspetta co le fregne!
          Lui je ariva cor paranco:
          poveretto a quant'è stanco,
          lei già in tiro cor corsetto
          ma lui, distrutto, core a letto!
          Lo zio Pino non bada a "forme",
          lui lavora, magna e dorme,
          c'ha'n difetto esistenziale
          che lo rende diseguale:
          Che peccato ch'è lazziale!
          Fa la spesa e poi cucina
          Fortunata mì cuggina,
          c'ha dù fijj meravigliosi...
          solo fossero più studiosi
          e un po' meno "velenosi"
          ma se sà,
          questa è l'età:
          nun sò carne, nun sò pesce...
          aspettamo de vedelli cresce!
          Lo zio Pino pare Fregolo
          cor traguardo a mezzo secolo
          s'è cambiato pure l'auto:
          tutto griggio, un ber pandino
          ed è contento lo zio Pino,
          ma è bloccato da la paura
          de pjà er volo p'annà in Gallura!
          Noi aspettamo che se sveja
          pè faje stappà nà bella bottija
          così zitti zitti senza move nà paija
          je famo l'auguri restanno su a soja
          mentre la moje rimane co a voja.
          Composta venerdì 30 novembre 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Lella Frasca

            Ciao Gioggy

            Zia già se l'immagginava
            davecce nà nipote coll'indole "gitana",
            t'avemo convinta a annà all'università
            e manco colla laurea riesci a lavorà!

            Questo è proprio un paese de merde,
            dove er ricco te fotte e er povero perde.
            è nà vergogna fa scappa li giovani dall'Italia
            e tu, forte e coraggiosa te ne vai in Australia.

            Nun ce la fai più a mendicà un posto de lavoro,
            ce lasci a tutti, "li mortacci loro"
            che "nvece de pensà ar popolo che more
            stanno tutti appresso ad Arcore
            e an fjo de na mignotta
            che pure condannato ancora nun ce sbotta!

            Vai, gioia nostra e fatte vale",
            l'Italia nun le merita persone come te;
            esplora artri mondi e continenti;
            semo fieri de te e facce stà contenti!
            Good Luck for you dear Gioggy.
            Composta venerdì 4 ottobre 2013
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Lella Frasca

              A zi Anna

              Quanti ricordi belli ce legano la vita,
              ero piccoletta e me fermavo da te prima de la salita.
              Annavo su dae sore ar doposcola,
              pe fa li compiti e nun restà da sola.
              Lì a casa tua era sempre nà festa,
              ogni vorta c'era quarcosa de bbono che cucinavi lesta lesta.
              Co paolo, rosella e nicola c'era la bellezza del'adolescenza
              e le biricchinate erano frutto della nostra incoscienza.
              Te ricordi quanno tutti li giorni te portavo li gemelli?
              Li mettevi in bagnarola e gridavi: ma che belli!
              Tu hai sempre avuto pe tutti noi un soriso
              e sei bella anche co quarche ruga lì, sur viso,
              non a caso zio livio t'ha trattata sempre da reggina:
              nà gran donna mica è bbona solo dentro la cucina!
              Oggi raggiungi un grande traguardo,
              festeggi un compleanno proprio gaijardo,
              noi zia anna cara, te famo tanti tanti auguri tutti in coro
              affinché la tua vita sia serena, bella e tutta d'oro!
              Buon compleanno zia anna!
              Composta venerdì 16 novembre 2012
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Lella Frasca

                Preghiera de bbon Anno

                Mà, Pà voi ce lo sapevate già
                che me lasciavate sola a tribbolà!
                Sò rimasta qua cò sto fardello
                senza manco un saluto da mj fratello,
                pe fortuna ciò a famjia mia
                che se sto male m'arza e me ripja.
                Io nun so proprio chi je monta la testa,
                co lui nun se parla nemmeno a na festa!
                Solo spine sà mette ner còre
                de chi pur ner dolore ja dato Amore.
                Mà, Pà, pensateceve voi dar Paradiso
                fate pure pe me dù canti
                e pregateme tutti li Santi
                mannateme na mano e sempre un ber soriso!
                Composta giovedì 3 gennaio 2013
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Lella Frasca

                  Natale senza

                  Natale senza spred
                  e nessuno pensa a te
                  Natale senza gioia drento ar core
                  perché 'gni cosa te provoca dolore
                  Natale sempre più senza lavoro
                  che avvilisce e smorza i giovani dei loro sogni d'oro
                  Natale dalla Consurta illeggittimato
                  perché cor Porcellum cianno rifregato!
                  Natale senza Marò e senza li lazziali
                  perché semo un Paese senza palle né ideali
                  Natale senza sòrdi pe poté campà
                  perché cor barzello dell'IMU ce stanno a derubbà!
                  Natale senza er pezzetto de cinghiale
                  perché tu scenni sempre e quarcuno solo sale
                  Natale senza un po' de pace
                  perché nun sei gnente quanno tutt'attorno tace!
                  Natale senza fji perché ne manca una:
                  quella che cor coraggio è annata lontano a cercà fortuna!
                  Natale senza forza
                  perché te senti schiacciato da na morza,
                  Natale colle toppe ar culo
                  perché nun arivi più manco se sei un mulo!
                  Natale senza coraggio che t'ammazza
                  perché te 'ncazzi solo ma ancora nun scenni in piazza!
                  Natale senza cambiamenti
                  perché te fottono i potenti
                  e tu ancora nun te lamenti
                  Giovani, studenti, cassaintegrati, lavoratori e pensionati
                  disoccupati, licenziati, esodati, carcerati e pure l'immigrati
                  so' tutti soli perché nun l'avemo manco 'ncoraggiati!
                  Natale senza berlusconi
                  ma nun te preoccupà che ancora gira pej cojoni
                  Natale senza vergogna
                  quanno i malati de SLA davanti ar Parlamento
                  l'hanno trattati come la "rogna"
                  Natale senza arbero né luci
                  perché se c'hai famja li sòrdi nun li bruci
                  Natale senza futuro
                  perché domani sarà de oggi ancora un po' più duro
                  Natale senza Madiba:
                  pe l'Africa e per monno esempio de la vita!
                  Natale senza pane e senza latte fresco
                  eppure stai mejo pure tu, laico, co la benedizione de Francesco!
                  Grande! A lui je bastato solo 'ncenno d'entusiasmo senza affanno
                  pe' guadagnasse er titolo dar Time: L'Omo dell'anno!
                  Natale senza soriso e so' amari li bocconi
                  è cominciata ora la protesta dei "forconi"!
                  Natale senza Natale: gnente doni e gnente pranzi
                  ma fatte coraggio che mo' ce pensa Renzi!
                  Vedremo li fatti de tutto sto rinnovamento,
                  e che sia pe li poracci, stavorta, er cambiamento!
                  Basta! Basta!
                  colle tasse de sta "casta"
                  semo stufi e nun semo più cojoni
                  se nun cambia la politica saremo tutti coi forconi!
                  Ar politico, all'assessore
                  je damo giusto giusto poche ore
                  pe riprennese er Natale e n'antranno un po' migliore!
                  Composta venerdì 13 dicembre 2013
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Lella Frasca

                    A Lucilla e Renato

                    Dopo n'amore disperato
                    Lucilla e Renato cianno provato
                    e proprio la notte dell'Epifania
                    Renato ja detto: Tu sarai mia!
                    Senza più er fiato è rimasta Lucilla
                    basita e tesa come nà spilla.
                    Dopo tre anni erano marito e moje
                    e pè Renato sò iniziate le doje
                    lavori pè na bella casetta all'inizio
                    e così piano piano ha messo "giudizio"!
                    Da Bali a hong Kong er viaggio de nozze
                    e tanto amore, chiavate e carezze.
                    Ogni giorno, ogni notte era rocambolesca
                    e da lì a poco nasce Francesca.
                    Lavoro duro, consegne ar negozzio,
                    tutti i giorni proprio nò strazzio;
                    Altri viaggi, altre vacanze: da su a giù,
                    dove Renato lascia er core a Corfù!
                    All'improvviso i primi dolori
                    che je strappano er core e li lasciano senza colori!
                    Tutt'ambotto, che culo, grazzie a na cura ipertonica,
                    la panza se gonfia ed esce Veronica!
                    Renato è cocciuto, Lucilla paziente
                    perché lui è sordo e manco ce sente.
                    Je vò tanto bene perché è un gran bell'omo
                    ma soprattutto perché je fa er "maggiordomo"!
                    Lei è dolce e gentile con i clienti
                    ma ar giornalaro je strapperebbe li denti,
                    adora i gatti e non ha difetti
                    e a sua insaputa rompe le palle a tutti i suoi affetti!
                    Mò se sopportano da venticinquanni
                    e stanno bene assieme malgrado l'affanni!
                    25 anni dove hanno costruito il loro ieri,
                    l'oggi e il domani superando tutti i pensieri!
                    Hanno purtroppo vissuto momenti brutti da mal di cuore
                    che hanno affrontato solo coll'anima del loro Amore!
                    Oggi tutti!: fjie, parenti e amici
                    ve fanno l'auguri e ve vonno felici
                    con emozioni tutte da scoprire
                    ed assieme sempre pronti a ripartire....
                    Questo "sì" rinnovato è un ber trampolino
                    pè seguità il vostro lungo cammino
                    e pe gustavve tutto il vostro capolavoro
                    che giorno dopo giorno vi avvia verso le nozze d'Oro!
                    Auguri felici!
                    Composta mercoledì 23 ottobre 2013
                    Vota la poesia: Commenta