Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Enrico Giuffrida

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Enrico Giuffrida

Domenica

Domenica,
tenue tempo di riposi,
di festanti sinfonie delle campane,
di morali richiami dai pulpiti,
di laborioso lavoro nei brinati campi,
di soave profumo di croissant appena sfornati,
di sguardi fulminei nelle vetrine dei negozi,
di profumo di pulito nelle case,
di rispolvero di abiti novelli,
di musica inneggiata da auto sportive,
di fiumare di gente tra i piani di un centro commerciale,
di sfegatato tifo e scommesse sportive.
E quando il sole volge verso il suo declino,
un'entourage di bega e timore per il dì futuro
tumulta anche gli animi più placidi.
Composta domenica 25 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enrico Giuffrida
    Come fiamma
    divampa il passato,
    in una notte gelida d'inverno.
    Le sue braci infuocate
    alludono a quelle ferite dell'animo
    tracciate dall'infausto tempo che fu;
    tra gli scoppietti ardenti
    odo il lacerar del cuore
    e mentre la notte silenziosa
    lemme avanza,
    fuliggine di ricordi assurge
    allo specchio dell'anima,
    che zampillando,
    spegne il fuoco amar dei ricordi.
    Composta martedì 20 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enrico Giuffrida
      È tra le romantiche melodie
      inneggiate dalle cicale,
      alla pallida Selene,
      ecco che,
      abbracciato da una brezza autunnale,
      si eleva il mio tacito tumulto.
      I miei occhi,
      vacillanti tra torrenti di lacrime,
      si disperdono tra l'infinito universale.
      D'improvviso il lento e funebre eco
      dei miei lemmi,
      abbatte lo strazio della tempesta del cuore
      per dissolversi tra il tetro che non vuol abdicare.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enrico Giuffrida
        E lì,
        che tra lo stridio di ruote
        di trolley goffi ed esultanti
        che dipartano dalla Kentoripa,
        per ritrovare l'allegria,
        dopo un vissuto invernale,
        che sento il sussulto dei miei sogni negati
        in un cuore stanco ed affaticato.
        Con occhi lucidi osservo gli zaini
        pronti a svelare l'uman desiderio di letizia
        Con sorriso traboccante,
        celo il mio mesto volto
        e rispondo ai lor esultanti saluti,
        mentre il mio cuor implora quel Dio,
        che ormai m'ha dimenticato.
        Composta mercoledì 13 agosto 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enrico Giuffrida

          Un nuovo traguardo

          Come granelli di sabbia
          lemme scorre quel tempo,
          di quella porta dell'età,
          in cui una ruga in più
          traccerà il mio ancor sbarazzino viso.

          E mentre quel dì di festa
          trionfante avanza,
          navigo tra il tempo che fu.
          Con occhio vigile e
          con prontezza d'animo
          conduco il veliero tra i ricordi.

          Tra le Acque placide che rimembrano
          quei dolci momenti di vera beatitudine
          affiorano irti scogli di tetra e funebre rimembranza.

          Mi soffermo dinanzi
          e cogliendo la conchiglia dell'amara dottrina,
          rivolgo il mio sguardo al tramonto
          che traccia la sua speranza all'orizzonte.

          E lì d'un tratto appari seduta
          su quell'isola di rosei e irti ricordi;
          volgo a te il mio umile sguardo;
          dai miei occhi sublimi
          si innalza una domanda:
          Ricorderai quel di
          in cui al mondo fui presentato?
          Composta sabato 5 luglio 2014
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Enrico Giuffrida
            È lì,
            che tra i vetri gelati
            di un'autunnale finestra,
            osservo quella speranza ormai appassita.
            Il vento solleva quegli ormai morenti
            petali di soavi e rosei fiori,
            che si amalgamano tra
            brandelli inzuppati di un brio
            che celere avanza verso il suo
            declino di un edito anno.
            E mentre nembi
            colmi di stille e bianchi fiocchi
            celano la sorgente di vita,
            uccelli monaci cercano riparo.
            Composta martedì 4 marzo 2014
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Enrico Giuffrida
              È in quel cuore tormentato,
              scenario di battaglie vitali,
              che arde quella preziosa fiamma
              di cui ogni essere farne a meno non può.
              Come rosa delicata,
              di notte emana il suo profumo.
              Guarda verso quel blu infinito
              e aleggia quell'entourage di balsamici
              e nobili desideri,
              con l'intramontabile speranza
              che faccian breccia nel cuor dell'amata.
              Composta mercoledì 26 febbraio 2014
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Enrico Giuffrida

                L'indifferenza

                Come un fiume dalle acque tetre,
                scorre la tua indifferenza;
                Come tetro spirito di morte
                lemme avanza
                strappando via ogni sorriso
                e uccidendo quel che ogni uomo
                lotta per la conquista.
                Come gli ebrei dipinsero le loro porte
                nella notte in cui Dio punì i sovrani egiziani,
                così io dipingo le porte del mio cuore
                con i colori della tenacia e del coraggio.
                Nessun alimento può soddisfare la tua fame;
                come un uragano seminasti distruzione
                e tra il silenzio del dì e della notte
                lemme edifico il mio domani.
                Non è ancora primavera
                il gelo invernale ancor dimora
                nel mio umiliato cuore.
                Composta mercoledì 19 febbraio 2014
                Vota la poesia: Commenta