Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Simone

Prossima stazione

È giunto un nuovo tempo,
tutto è mutato in questa realtà sospesa.
Dal vetro filtra una luce diversa,
la normalità assume fattezze distorte.
Dicotomiche sensazioni
opprimono la mente
che pavida cede allo sgomento.
Nulla ha più una reale dimensione
ogni cosa sembra essere fuori posto.
Dove regnava il frastuono ora grida il silenzio,
dove l'attività prolificava rimane solo la pigra immobilità,
dove viveva la compagnia ora esiste nient'altro che solitudine.
Come un mazzo di carte,
è una vita mescolata da mani incerte.
La cruda realtà,
di questo provvisorio passaggio,
dilania lo spirito spaurito.
Quando tutto però
sembra cedere allo sconforto,
una folata di vento improvvisa,
spalanca la finestra che separa dal modo.
Odo il canto degli uccelli,
il fruscio dei rami smossi
il tiepido abbraccio del sole.
È il concerto della vita
che acquieta la mente
e ristora l'anima.
Allora abbandono la stazione delle paure
per dirigermi alla fermata successiva.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Simone

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti