Questo sito contribuisce alla audience di

A mio zio

Riposa nel freddo d'estate
e ride dei fumi invernali
del mortaio alleato
la scheggia
che crudamente additavi.

Mi sfiorano soavemente,
son alito sempre presente,
come ali,
le gote
che con saggezza t'intalcavi
di mattina.

Le carte sempre uguali
pitturavi di colore diverso,
monotoni giorni autunnali,
ghirlande di tempo perso.

Ti penso e ti sento vicino,
ti sento già mio e vivace,
nel sangue che non è più tuo,
nel fiore che sfioro veloce,
rimani,
rimane la voce.

Immagini con frasi

    Info

    Dedica:
    A mio zio Enzo, che mi ha insegnato per primo il valore della libertà.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti