Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Carlo Bisecco

Fuga dall'omologazione

Sotto la pioggia
di giugno
muovo i miei passi
disordinatamente
sulla strada
senza meta,
spogliato d'ogni
mia convinzione.
Cammino,
silenzioso piango,
intorno a me
solo ombre danzano
col volto coperto
da maschere
senza identità.
Si avvicinano,
le loro braccia
verso di me tendono,
vogliono prendermi,
trasformarmi come loro
cancellando la mia storia,
il mio nome.
Corro
tra mani gelide che
mi stringono,
mi strozzano quasi,
a respirare non riesco,
vedo il buio
posarsi intorno
mentre la pioggia cade
più intensamente.
Inciampo
e resto a terra,
mentre vengo calpestato
senza compassione,
senza identità.
Urlo il mio nome.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Carlo Bisecco

    Commenti

    2
    postato da , il
    Grazie mille carissima Chiara, mi fa piacere che tu l'abbia apprezzata!
    1
    postato da , il
    Straordinariamente reale. Eccezionale e ammirevole  la forza di volontà con cui  difendi il tuo tuo nome.

    Bellissima vena poetica!

    Ciao.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.50 in 6 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti