Questo sito contribuisce alla audience di

Quelle navi

Come la mia ombra
è quel tempo
di galleggianti nostre isole felici
di mari così lontani
orchestra di colori
attici marini di luci e suoni
concerto di una estate
la prima, nostra primavera
e poi un'altra estate come inverno
non altro che felice suo echeggio
tutto era perfetto, in quel viaggio
e in quelle navi, tutto così com'era.

E sempre come un ombra
Lui guida i miei sentieri
adagiata sopra il mare
che devasta i miei pensieri
quando forse
un tempo tu mi amavi
col sorriso e quello sguardo
sopra quelle navi
galleggianti nostre isole felici.

Troppo presto
giunte al loro approdo
col rovescio di un Natale
su quel tavolo rotondo
e con esso poi finì
tutto il mio mondo.
Ma prima che io sprofondo
ora non so
quanto ancora, io qui resto
oppure quanto lungo
avanti a me sarà questo
il tempo mio rimasto.

E risalgo a navigare
forse ancora per un po'
solo e in alto mare
con due remi
e la sola forza delle mani
e sempre più distante
mi allontano da quelle navi
galleggianti nostre isole felici
disperdersi al mio orizzonte
ora
davvero sono solo
io e il mar di fronte
mai visto così pacato
dolce mio compagno
unico testimone
a raccontarmi la favola di un passato
di un amore che mi ha lasciato
ricordi senza fiato.

Unici e solo nostri
indimenticabili momenti
tra colori, di meravigliose estati
quelle navi
sfilare sotto i venti
e poi le sere
vedere sopra i ponti
i suoi occhi
brillare come fari
noi due, cuori naviganti
noi due, sopra quelle navi.
Composta martedì 15 maggio 2012

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    Per poter commentare quest'opera devi essere registrato in PensieriParole.Registrati