Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Nello Maruca

LXV

L'amore tra noi fu fulminea cosa;
lei poco era più d'una bambina
coll'aspetto roseo, la sua treccina
era più bella d'una bella rosa.

Catapultano in quella Terr'odiosa,
ospite in casa d'una mia cugina,
ch'affidato m'avea mandria bovina
in quel respiro d'aria tempestosa.

Pensavo la mia casa, la mia gente,
la povertà vissuta era ricchezza
confronto quella Terra penitente.

Ma allorquando lo cuore mio languente
di quel sincer'amore prova l"ebbrezza
da miserando è il cammino esaltante.

Immagini con frasi

    document.write('');window.__cmpWait(function(){document.getElementById("singlequote-ad").className+=" adsbygoogle";pp.jss("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3821133970955797","googleadsjs",0,{crossorigin:"anonymous"});(window.adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})})

    Info

    Scritta da: Nello Maruca

    Commenti

    2
    postato da , il
    Sono compiaciuto nel leggere che a qualcuno piace quanto da me scritto. GrAZIE
    1
    postato da , il
    bELLISSIMO SONETTO. gRAZIE PER AVERLO PROPOSTO.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:10.00 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti