Scritta da: sintagma

Baccanale

Un giorno, chissÓ dove e
chissÓ, in quali circostanze,
magari vedendoti
soltanto passare,
una vecchia esclam˛:
"Che begli occhi,
che hai."
Vedi,
l'esperienza ha un senso.
Ma, quella vecchia, non
era solo una
donna vecchia.
Vedi,
a volte gli dei si
mascherano da mortali,
e parlano con voce umana
a coloro che sono
degni.
Sotto le vesti di quella
vecchia donna accorta,
batteva il cuore eterno di
Demetra.
E tu, malaccorto amore,
chissÓ, se anche allora,
davi pietre di silenzio,
o petali di parole.
PerchÚ la veritÓ dei
tuoi splendidi occhi Ŕ
legge,
persino fra gli dei.
I tuoi occhi sono
grandi solchi dove
scorrono perenni,
calde sorgenti
sotterranee.
In un tramonto di gola
e di lussuria,
Bacco errabondo strinse
Demetra in un abbraccio.
E vi piant˛
una vite.
Tanto valse il
tuo vigneto: un
lunghissimo bacio
ubriaco di mosto.
La stagione dell'uva,
dai tralci alla tua bocca,
pende grappoli di stelle,
per la tua fame di
firmamenti, macerati
succhi, per le eclissi
delle tue memorie.
Ingenua ebbrezza,
di passi danzati, in
spazi traslati, ai margini
del crollo.
Ingenua ebbrezza,
di canti spiegati, in
spazi traslati, oltre i limiti
dell'accordo.
Tenerissima ebbrezza,
di sguardi mozzati,
da sguardi affilati, come
fulgide spade di
pampini.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: sintagma

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:6.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti