Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Carlo Peparello

Memento solitudo

Non rammento altri paesaggi dimenticati come questo
mesto deserto asfaltato al di lÓ del ponte sospeso
Radura spoglia e disadorna piantonata dal cartello gasolio
Ficco le mani in tasca e passeggio in un vuoto immaginario
Scandisco con le suole un coro di echi mal diretti
Ho bisogno di fumare, mentre penso e mi disperdo
Non s˛ quale strana alchimia mi infonda calore
Il cielo Ŕ adorno di brulla e grigia veste
l'aria rappresa e immobile come se nulla dovesse pi¨ respirare
Fugaci visioni di ferro che passano caleindoscopiche e astratte
Il ponte di ferro che taglia le ombre e gli orizzonti ripetuti
Eppure mi sorprendo ad amare quell'oasi di smarrimento
i suoi confini abbattuti mi cingono come braccia materne
e parlo cordialmente con l'anima che ospito senza pegno
e ancora una volta la solitudine e lo spazio sono i giusti ingredienti
per evirare la reticenza intima e dare il verbo ai miei pensieri.
Composta mercoledý 2 giugno 2010

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Carlo Peparello
    Dedica:
    All'anima.

    Commenti

    2
    postato da , il
    grazie mille
    1
    postato da , il
    Fantastica, non ho parole! Complimenti!

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.17 in 6 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti