Scritta da: Andrea Carducci

05/04/2010

In treno.
Verso Roma.
Fuori dal vetro, ancora immagini di niente, zuppe di pioggia.

Lassł, cielo grigio ma con buona speranza di sereno.
Pił in lą, ruderi di case e di vite passate chissą come, che vengono distorte e filtrate dal vetro bagnato.
Immagino le grida dei bambini che giocavano nei giardini antistanti a queste case.
Giardini ormai ridotti a cimiteri d'erba.
Li vedo, quei ragazzi, rincorrersi nel sole, per poi nascondersi tra gli alberi e mi piange l'anima per la vita che come sempre ha perso la sua battaglia contro il tempo.
Ma il bimbo che č in me, gioca con loro e grida, con il sorriso in faccia, correndo dietro al tempo sperando che questo non si volti per vedere chi č rimasto indietro.
Composta lunedģ 5 aprile 2010

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Andrea Carducci

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.50 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti