Scritta da: Silvana Stremiz

L'annuale della fondazione di Roma

Te redimito di fior purpurei
april te vide su 'l colle emergere
da 'l solco di Romolo torva
riguardante su i selvaggi piani:
te dopo tanta forza di secoli
aprile irraggia, sublime, massima,
e il sole e l'Italia saluta
te, Flora di nostra gente, o Roma.
Se al Campidoglio non pił la vergine
tacita sale dietro il pontefice
né pił per Via Sacra il trionfo
piega i quattro candidi cavalli,
questa del Fņro tua solitudine
ogni rumore vince, ogni gloria;
e tutto che al mondo č civile,
grande, augusto, egli č romano ancora.
Salve, dea Roma! Chi disconósceti
cerchiato ha il senno di fredda tenebra,
e a lui nel reo cuore germoglia
torpida la selva di barbarie.
Salve, dea Roma! Chinato a i ruderi
del Fņro, io seguo con dolci lacrime
e adoro i tuoi sparsi vestigi,
patria, diva, santa genitrice.
Son cittadino per te d'Italia,
per te poeta, madre de i popoli,
che desti il tuo spirito al mondo,
che Italia improntasti di tua gloria.
Ecco, a te questa, che tu di libere
genti facesti nome uno, Italia,
ritorna, e s'abbraccia al tuo petto,
affisa nč tuoi d'aquila occhi.
E tu dal colle fatal pe 'l tacito
Fņro le braccia porgi marmoree,
a la figlia liberatrice
additando le colonne e gli archi:
gli archi che nuovi trionfi aspettano
non pił di regi, non pił di cesari,
e non di catene attorcenti
braccia umane su gli eburnei carri;
ma il tuo trionfo, popol d'Italia,
su l'etą nera, su l'etą barbara,
su i mostri onde tu con serena
giustizia farai franche le genti.
O Italia, o Roma! Quel giorno, placido
tornerą il cielo su 'l Fņro, e cantici
di gloria, di gloria, di gloria
correran per l'infinito azzurro.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Silvana Stremiz

    Commenti

    3
    postato da , il
    Giosuč: il grande dei grandi, un poeta come pochi... solo l'italia č fornita di questi poeti
    2
    postato da , il
    Grande, meravigliosa Italia! Che sciagura! Dopo l'immenso vate, Giosue` Carducci, il beota, lo zotico Umberto Bossi!
    1
    postato da , il
    Giosuč Carducci: uno dei pochi vati figli d'Italia,come D'Annunzio Leopardi e Pascoli. Si č perduto,ormai da anni il seme di queste persone. ...oggi,vedo le mura e gli archi,ma la gloria non vedo !

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.40 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti

    Questo sito contribuisce alla audience di