Questo sito contribuisce alla audience di

I lamenti di un icaro

Gli amanti delle prostitute
sono allegri, gagliardi e ben pasciuti;
quanto a me, ho le braccia a pezzi
a forza di abbracciare nuvole!

È grazie agli incomparabili astri
che ardono nel profondo del cielo
che i miei occhi consunti
non vedono che ricordi di soli.

Vanamente ho preteso di trovare
la fine e il centro dello spazio!
Sento che la mia ala si spezza
sotto non so che occhio di fuoco!

e arso dall'amore del bello,
non avrò l'onore supremo
di dare il mio nome all'abisso
che mi servirà da tomba.
Composta martedì 26 febbraio 2013

Immagini con frasi

    Info

    Dedica:
    A chi la sente sua.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.40 in 35 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti