Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Silvana Stremiz

Le cose

Le monete, il bastone, il portachiavi,
la pronta serratura, i tardi appunti
che non potranno leggere i miei scarsi
giorni, le carte da giunco e gli scacchi,
un libro e tra le pagine appassita
la viola, monumento d'una sera
di certo inobliabile e obliata,
il rosso specchio a occidente in cui arde
illusoria un'aurora. Quante cose,
atlanti, lime, soglie, coppe, chiodi,
ci servono come taciti schiavi,
senza sguardo, stranamente segrete!
Dureranno piú in là del nostro oblio;
non sapran mai che ce ne siamo andati.

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Silvana Stremiz

    Commenti


    6
    postato da , il
    superlativa!!! p.s. per giorgio zangirolami: la poesia è presente nel secondo volume di tutte le opere edito dai tipi mondadori/meridiani.
    5
    postato da , il
    borges è poeta a prescindere dalla lingua, pur tradotti i suoi versi trasmettono il senso di ogni singola parola, se è così nella traduzione cosa sarà mai nella ligua originale
    4
    postato da , il
    le cose di Borghes
    lette e pensate
    le cose umili
    i pensieri
    i soldi sparsi in saccoccia
    le nuvole
    la vita
    credere essere
    i sogni fatti e desiderati
    3
    postato da , il
    La poesia che mi ha fatto piangere..
    2
    postato da , il
    Finalmente l'ho trovata! La cercavo da anni su tutti i testi borgesiani che mi sono passati tra le mani. Una quindicina di anni fa l'hanno letta alla radio, ma non è presente sull'opera omnia di Borges che possiedo...è una fulminante riflessione sulla vita e sulle umane vanità.

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:8.70 in 43 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti