Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Engelland

Catene di Castagno

Non posso amarlo,
non posso odiarlo,
posso solo aspettarlo.

Non è dato capire questo pianto,
ma è dato ascoltarlo
attraverso il canto.

Vige^ un custode
nel mio cuore,
che si nutre di questo Amore.

Spasmi e brividi nel sole spento,
fantasmi^ e buio,
per questo tormento.

Quel che è fatto è fatto,
nel mio sogno porpora e scarlatto.
Pare l'unica via
pensarla come malattia.

Cerco un disperato indizio,
per convincermi che sia
soltanto un vizio.

Mi rimane il sentimento anche se
ha l'aria di sgomento.
Porto un credo ed un soffio,
un eclissi
di colore rosso.

Potrei consolarmi con un fiore di camelia,
potrei partire lungo la via Aemilia.

Ma,
anche se scappassi lontano
sentirei ugualmente la tua mano.

Ho paura del riflesso perché,
non potrò mai veramente
allontanarmi da te stesso.

Allora,
rimarrò qui,
con le mani congiunte,
intonando preghiere
sulle innevate punte.
Composta martedì 6 marzo 2012

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Engelland
    Riferimento:
    Ispirata all'amor cortese provenzale popolare,
    di quegli amori irraggiungibili, quelli che ti sfiorano l'anima.
    Quelli per cui ti batteresti all'ultimo sangue.
    Quelli che, uno sguardo corrisposto significava amore eterno.

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.67 in 3 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti