Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

I tagliaticci

I tagliaticci
- Chi tti migne massære, Ggiacumì? –
- I tagliaticci col salato sfritto –
- E ccoma c'hì pinzète? oh chi scì...! –
- I tagliaticci col salato sfritto –
- Coma sarebb'a ddire? – Toh! nnì sì?!
ma allora non capisci, statti fitto:
tu te li fai far grossi... così...
te li cuoci, scolati, ad un marmitto,
ci abbocchi a sopra tutti li pezzetti,
gli fai far pla-pplà, pla-pplà, pla-pplà,
e lo accongi, capisci?! ; te ne metti
un piatto cupo e mmangi e come va...
ingrassa; sai, quel piatto, quello buono... -
- Ed il formaggio nn'ge lo metti?
– Nono –.
Vincenzo Ranalli
Vota la poesia: Commenta