Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Vincenzo Patierno

Rose e mamme

Secerne giovinezza il paesaggio, ivi
si vien inebriati da effluvi
di policromi boccioli
aggrappati alla vita;
simili a bambini ancorati
ai seni della lor puerpera.

Il flautato seme s'evolve
ed è a partorire vita in fiore;
l'arbusto e la madre mutano
il cerchio delle stagioni,
prolificando circuito
ove la vita è l'aurora di sé.

Al vicinar del maggengo avvento
si è a foggiar il sole dell'amore, la rosa,
vellutata stella e incarnazione
della mamma, liliale e prode vestale
di noi, suoi germogli fin al compiersi
il di lei estremo rintocco.
Vincenzo Patierno
Composta sabato 30 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta