Dolce dea melodica e modesta,
racconti d'amore, d'odio e tempesta,
così malinconica e silenziosa
scavi nei cuori e nelle ragioni
portando, come il crepuscolo, ricordo e consiglio.
Bene non ricordo il giorno che ti ho conosciuta,
ma da quando ti assaporo sei per me come aria,
luce per ciechi, musica per i sordi e vita per i matti.
Veronica Varricchio
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di