Questo sito contribuisce alla audience di

Sentimento

L'inconscio mi brucia in partenza la pazienza
e pensa, a quella sensazione densa,
di piacere! Tacere non è da me!
Per questo cerco in te quell'illusione intensa!

Ciò che dagli occhi non brillo, lo trillo.
Infilo, dentro il tuo mondo il mio profilo,
occulto! Tumulto provoco, poi quiete.
Inquieta, la mia certezza appesa al tuo filo.

Il broglio che colgo infetto dal dispetto,
confetto spasimante del tuo distretto,
mi mira. E tiro dritto senza una meta.
Metà di me, attende il verdetto.

È l'ansia che s'accinge a far un tale male
e sale su per la pelle, un brivido virale,
ardore! Ma il cuore l'ho investito in altri pensieri.
Ieri, quel tuo sguardo per me fu letale.

Ora attendo l'istante delicato, pacato,
soffiato al vento in modo astuto
e caro! È Chiaro il mio offuscamento,
mentre tento il rimedio come un malato.
Tony Joke
Composta domenica 30 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta