Questo sito contribuisce alla audience di

L'ora del the

Tremolava la fioca luce
di un cero impersonale,
intimamente sgualcita
era la mia banalità,
e tu scucivi le mie velleità
donandomi sepoltura e assenzio,
gravido di pene e misticismo
mi cimentai in un soliloquio
esternando il mio sentimento letterario,
ci mettemmo comodi
e bevemmo un the.
Tiburzio Il Madonita
Vota la poesia: Commenta