Scritta da: Tanya

Oltre

Concepita su fiori
di loto tra stese di spine
sempreverdi,
ha inizio stagione di prove:
esco dal frutto maturo
e parto verso l'acerbo ignoto.
Sconfitte e vittorie
nell'anima mia,
or ruvida or tenera.
Col sorriso ancora infante
riverso pianti in brocche
di speranza,
sovente riaffiora la paura
e se ne va sfamando
l'ingorda bocca del
destino, che attende
spalancata al varco.
Sul palco delle ingiustizie
io sfoggio un inchino,
come comparsa all'atto
finale mi improvviso
destriero e in sella
a speranze cavalco
conquiste,
discendo il sipario
scansando il dolore.
Tanya Belletti
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di