Scritta da: apetta2009
Chissà se quel giorno, quando i tuoi occhi hanno incontrato l ultimo orizzonte dl cielo, hai pensato a me,
se mi hai rivista bambina; timida, insicura e impaurita,
se mi hai rivista donna; matura e sicura delle mie scelte.
Spero che tu sia lassù; sulla cima più alta,
con le mani rese ruvide dal tanto lavoro,
ma che sul tuo viso risplenda il più bel sorriso.
Solo sapendoti cosi,
credo che soffrirò un po' meno per la tua scomparsa.
Solo così riuscirò a non versare più lacrime di rimpianto
per non averti ancora tenuto per mano,
per non aver sentito ancora la tua flebile voce
che mi implorava di lasciarti andare,
per non essere stata con te
nel momento del tuo ultimo respiro.
Silvana Carpentieri
Composta sabato 21 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di