El gato

Un posto in cusina
gh'era pal gato.

L'e' un re drento casa,
l'e' furbo, l'e' mato.
Pi mato de un gato
nesun no ghe ze.

Lu pare sia nato
par viver beato.
Nessun pi' beato
de lu no' ghe ze.

Cucia' vissin al fogo
do'arde 'na zoca
lecandose i bafi,
versendo la boca,
lu passa le ore
scaldandose el pelo
co fora fa' gelo
e neve vien zo.

La vita de casa
par lu xe leziera
el dorme de giorno
el sveja de sera;
el suga co' i sorze
che tanto lo teme
e, quando ghe preme
cambiare bocon,
un salo, 'na corsa
e lu xe paron:
paron de la vita
che soto le sate
la more, la trema
e la se dibate.

Ga i oci che vede
al scuro de note,
ga onge che sbusa
che sbrega profondo.
El gato l'e' l'unico al mondo
che vede la vita
t'un modo speciale
par lu no ghe xe
che i sorze che vale,
el fogo che scalda
un toco de luna
par fare l'amor.

El gato l'e' nato
par viver beato
ma mato no'l'e'.

L'e' furbo piuttosto!
Filosofo nato!
Questo xe el gato!
Severino Chiarello Monforte
Composta martedì 6 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di