Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rosario Chippari

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Rosario Chippari

Assoluto chiaro mattino

Assoluto chiaro mattino,
riapre il pensiero ad Oriente delle idee...
Come un girasole va verso il sole,
così il mio spirito attrae il cuore...

Ma dov'è lo spirito guerriero?
Dov'era la casa sulla roccia?
Al mattino miro di nuovo questo sole
che mi ricorda la verità di me stesso...

L'amore attraversa veloce le mie arterie
e inonda il mio corpo di linfa passionale...
Desiderio di amare che consuma
le mie idee e i miei pensieri...

Svestiti, uomo, dell'armatura antica,
ove le Regine hanno posato lo sguardo
sdegnandosi per la mancanza di forza vera.
Ora vinca la vera forza, potenza dell'anima...

Il tempo ormai del nuovo orizzonte
ha segnato il mio pensiero,
accendendo il cuore di fuoco rovente...
Brucia se non si spande...

Chi, se non tu, o Sangue Immacolato,
può più purificarlo e indirizzarlo al cuore giusto?
Resta il cuore come un soldato
fino all'alba dell'amore, nell'attesa di te...
Rosario Chippari
Composta sabato 10 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosario Chippari

    Canto notturno

    Canto di uno spirito errante,
    a sera,
    quando gli ormeggi e le prue risiedono
    nelle menti pacate di pescatori di uomini.
    Non hai più sognato, musa?

    Amor che a sangue
    perdona,
    amore di madre che tutto completa,
    quali sono i veri princìpi
    di un uomo solo e lasciato dall'amore,
    di quel verso senza ritorno?

    Canto notturno,
    e festivo.
    Della pietà di un cuore
    ne avrò il ricordo, o musa?
    Avrai segnato anche il mio sigillo
    nelle tempeste del desiderio?

    Non è più un sogno, capisci...
    È la vera luce di un giorno
    non qualunque...
    perché non vi è più
    il solito, l'abitudine. Non ci sarà.

    Canto di un errante
    che vibra sotto la luna,
    come il sangue davanti all'amor
    quello vero,
    ormai come un fiore
    che vive solo di luce, la tua.

    Amore che sogni,
    perdona le membra
    di uno spirito ferito,
    ormeggiando ora sulle sponde
    della sua mente. Vai, o musa...
    Rinsalda le antiche
    parole ispirate. Amore e sangue!
    Rosario Chippari
    Composta giovedì 8 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosario Chippari

      Alle donne

      Omaggio alle intrepide
      arcane, donne, destate dalla luce
      del cielo abbandonato
      ma mai dimenticato...

      Perché il vostro cielo
      d'azzurro non ha conosciuto
      che il solco di una ferita
      lo squarcio del cuore... che resuscita
      le languide poesie della Terra...

      Un sol pensiero
      si erge nell'anima
      mentre scrivo queste righe
      di dolore compunto,
      sempre che voi, o nobili creature
      permettete a un cuore così mesto.

      Dicevo un solo pensiero
      si leva dall'orizzonte
      non più lontano della gioia
      dell'essere ascoltati da quel Dio
      Altissimo
      re d'amore, che amore dona...
      ai cuori di tali formidabili creature qual siete

      che dominare ogni vostro più profondo desìo, per riscuotere
      le promesse non mantenute
      e le pugnalate a tergo, nella notte dello spirito,
      ed essere finalmente esaudite
      nel più grande dei giocondi sogni: quello
      dello Amore vero. Intrepido. Che mai finisce davanti al dolore.
      E la gioia sia con te, donna

      onorato mi inchino, dinanzi a tanta graziosità e fame d'affetto.
      Onore!
      Rosario Chippari
      Composta martedì 6 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosario Chippari

        Natale

        Natale è come il soffio caldo
        del vento d'Oriente: calmo, sorprendente
        nella sua silenziosa rotta.

        Natale alle porte
        dei cuori affranti, per dare pace
        alle anime provate dal tempo.

        Soffia calmo e caldo
        o vento d'Oriente, vieni da me
        a rivestire le membra solinghe.

        Natale si avvicina alle grandi
        ma non si allontana dai piccoli,
        come fuoco, rosso, vivo, non trema.

        Natale sei in arrivo,
        ti aspettano i cuori
        nelle tende dei miracoli. Sognano.

        Natale vieni, portaci di te.
        Rosario Chippari
        Composta venerdì 25 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rosario Chippari

          Per me l'amore

          Per me l'amore è come la luna di giorno...
          una forza che lotta per esserci anche dopo la notte...
          Come un fiore che ha visto l'uomo calpestarlo,
          ma continua a donargli il suo profumo di giorno, di notte... a terra...

          Per me il cuore di un uomo
          è la seconda possibilità alla creazione,
          un vincolo che non può cedere
          sotto i fallimenti di una crisi di paura...

          La luna di notte ha illuminato
          il pensiero dell'emozione,
          ha creduto nonostante la dura verità
          di un tempo che era destinato a finire...

          E ha lottato con lo spazio e le nubi
          per sopravvivere sul raggio di un sole
          che non potrà mai perdere...

          ... Per me l'amore è il confine dell'orizzonte dell'anima,
          lo svincolo della storia di un uomo...
          L'amore non è dell'uomo... ma è per lui... per sempre.
          Rosario Chippari
          Composta lunedì 13 settembre 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Rosario Chippari

            In attesa del pomeriggio

            Sei tornato dal viaggio, dal sentiero...
            pomeriggio di una domenica sincera... ma difficile...
            Una stella graziosa ha illuminato
            lo spirito di un guerriero, fuggiasco: un nuovo eroe dell'era.

            È l'epoca dei sentimenti,
            il fiorire di un viaggio attraverso i sentieri cupi
            dell'astro occidentale.
            Un pensiero indiano... s'intreccia col cuore dell'ovest.

            Ho amato me stesso, mi sono odiato
            perché dovevo partire per il sentiero...
            Quando di domenica pomeriggio
            sognavo di tornare da un lungo viaggio.

            Il cuore ha vibrato, lungo il corso del pomeriggio...
            un pomeriggio che dura da anni...
            E l'epoca del sentimento vero,
            il fiorire del pesco dai fiori doppi...

            Sei tornato dal viaggio, dal sentiero...
            pomeriggio di una domenica sincera... ma difficile... forte.
            Una stella graziosa ha illuminato
            lo spirito di un guerriero fuggiasco... È nuovo eroe dell'era.

            Adesso mi preparo,
            parto per la terra senza colori, la patria dell'ovest...
            Mi fermerò all'autogrill indiano, a ovest...
            È giunto il pomeriggio che dura da anni.
            Rosario Chippari
            Composta domenica 19 settembre 2010
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Rosario Chippari

              Le luci della sera

              Le luci della sera rallegrano la mia era...
              Ho parcheggiato sul molo... e miro il mare di notte.
              Di giorno mi parla di Passione, a sera mi richiama all'Amore...
              Sento nel cuore un bruciore,
              come una forza che vorrebbe uscire, esplodere...

              E intanto le luci della sera
              guidano i miei pensieri verso l'orizzonte...
              È buio, la notte mi consiglia la pazienza,
              mi sussurra la calma nell'attesa...

              Sento l'odor sublime di questo mare,
              decido di tornare verso l'auto,
              e riprendo la mia speranza tra le mani...
              Il batter dell'acqua sulle barche mi rilassa...
              Spera, e attendi nella notte.

              Ti sarà compagna, e quando verrà il sospirato giorno
              la saluterai pure...
              quasi non ci avresti mai creduto
              che ti avrebbe dato anche un po' nostalgia...

              Le luci della sera rallegrano la mia era
              e temprando lo spirito mio
              Solitario, riparto. E mi avvio verso casa...
              aspettando ancora l'Amore...
              Rosario Chippari
              Composta lunedì 18 maggio 2009
              Vota la poesia: Commenta