Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Sabrina Ranieri

Richiamo di un mondo che non esiste

Echeggia solenne nella mia mente,
desiderosa di camminare
su strade senza crepe, non vedere in alto cieli scuri

nuvole che corrono impazzite, albe che non sorgono,
cieli senza tramonto.
Mi fermo, scavo dentro al mio cuore, la mia mente,

sento il pianto del mondo!
Vedo mani tese, sofferenze, nascoste in ombre
di tristezza, piangono calde lacrime,
strazianti arrivano al mio cuore.
Che posso fare io? Siete tante anime sparse

in questo arso mondo, fatto di rovi, sterpaglie, indifferenza umana.
Vorrei abbracciarvi tutte e stringervi al mio cuore,
vorrei chiamare il sole che vi illumini e vi baci con il suo splendore.

Vorrei lenire questo grande dolore che sta urlando il mondo,
vorrei vedere i bimbi correre felice nei prati, vorrei cuori felici.
Vorrei un mondo senza più dolore! Romana Anna.
Romana Anna Tonioli
Composta lunedì 16 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta