Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: DarkPassionPlay*

Assenzio

Sei per me ciò che per i poeti è l'assenzio
m'inebri, m'esalti, m'ispiri
e come un avaro morente che stringe a se
ogni sua dovizia, così io
con la medesima bramosia
ti trattengo a me, gelosamente.
Ma con il tempo si sa, tutto si consuma
sicché il poeta piange la bottiglia vuota
ed io dolente, mi rattristo con lui
perché così vuota è anche la mia esistenza
quando tu purtroppo manchi.
Roberta Canu
Vota la poesia: Commenta