Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Rabindranath Tagore

Poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo, nato lunedì 6 maggio 1861 a Calcutta (India), morto giovedì 7 agosto 1941 a Calcutta (India)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Qui è il tuo sgabello
e qui riposa i tuoi piedi
dove vivono i più poveri,
i più umili, i perduti.

Quando a te io cerco d'inchinarmi,
la mia riverenza non riesce ad arrivare
tanto in basso dove i tuoi piedi
riposano tra i più poveri,
i più umili, i perduti.

L'orgoglio non si può accostare
dove tu cammini, indossando
le vesti dei più poveri,
dei più umili e dei perduti.

Il mio cuore non riesce a trovare
la strada per scendere laggiù
dove tu ti accompagni a coloro che non hanno
compagni, tra i più poveri,
i più umili, e i perduti.
Rabindranath Tagore
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Federico
    Afferro le sue mani
    e la stringo al mio petto.
    Tento di riempire le mie braccia
    della sua bellezza,
    di depredare con i baci
    il suo dolce sorriso,
    di bere i suoi bruni sguardi
    con i miei occhi.
    Ma dov'è?
    Chi può spremere l'azzurro dal cielo?
    Cerco di afferrare la bellezza;
    essa mi elude
    lasciando soltanto il corpo
    nelle mie mani.
    Stanco e frustrato mi ritraggo.
    Come può il corpo toccare
    il fiore che soltanto
    lo spirito riesce a sfiorare?
    Rabindranath Tagore
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Federico
      Dammi il supremo coraggio dell'Amore,
      questa è la mia preghiera,
      coraggio di parlare,
      di agire, di soffrire,
      di lasciare tutte le cose,
      o di essere lasciato solo.
      Temperami con incarichi rischiosi,
      onorami con il dolore,
      e aiutami ad alzarmi ogni volta che cadrò.
      Dammi la suprema certezza nell'amore,
      e dell'amore,
      questa è la mia preghiera,
      la certezza che appartiene alla vita nella morte,
      alla vittoria nella sconfitta,
      alla potenza nascosta nella più fragile bellezza,
      a quella dignità nel dolore,
      che accetta l'offesa,
      ma disdegna di ripagarla con l'offesa.
      Dammi la forza di amare
      sempre
      e ad ogni costo.
      Rabindranath Tagore
      Vota la poesia: Commenta