Questo sito contribuisce alla audience di

Liquidi

Viscidi sogni ormai rancidi
liquidi seminali e spasimi
forse un corpo fattosi due...
Uno anni luce dall'altro
come randagi affamati in lotta per carne putrida
graffi, morsi, ansimi affannati
in una sporca strada squallida.

Ma cosa cerco nei tuoi occhi?
non avevo smesso di cercare?
spalle al muro in una strada senza sbocchi
ci continuiamo a guardare.

Perché è quel muro che ci blocca
e i graffiti su di esso
immagini fatte di sangue e sesso
conficcate nella schiena a squarciare
rompere, trapassare carne e ossa.

Ora, esangui, aspettiamo la pioggia
che tolga umori, sudore e rabbia
per sentirsi finalmente nudi
per sentirsi finalmente vicini.
Pierpaolo Rebellato
Composta giovedì 20 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta