Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pierpaolo Armilio

Sangue scarlatto

Gocce di sangue scarlatto
Mi scorrono in corpo
Vanno diritte
Al cuore
Si bagnano
Di un'amore passato
Continuano a fluire
L'amaro sale
fino alla bocca
Poche parole
Escono
Fredde di odio
riempiono questa stanza
Vuota
Come il giorno dopo il Natale
A nessuno importa
Nessuno sa il motivo
E dopo tutto a chi interessa?
Eppur so che se pur distante
Esiste...
Esisti
Ti odio Ti amo
Mi pento Mi tormento
Questi sono gli affanni
Del vivere invano
Del rimpianto di quanto è
Stato.
Pierpaolo Armilio
Composta martedì 22 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta