Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Penny Narkolizz

La solitudine del samurai

Stanotte ai bordi delle strade
la solitudine zampilla, la pazienza cede.
Perfino le donnacce sono tristi più del solito;

Un samurai è morto
stanco di combattere
ha lasciato il suo destino in mano alla fortuna.

La tua nuova luce illumina l'orizzonte, stramaledetta Luna.
innalzati crescente facendoti guardare
allunga la notte, guida il mio respirare.

Farò come il samurai.
abbandonerò presto questa straziante lotta alle distanze
mi concederò in pasto ai demoni rinchiusi nelle loro stanze
della mia psiche incostante.
Penny Narkolizz
Vota la poesia: Commenta