Questo sito contribuisce alla audience di

Elegia - (a i. P. Postnikov)

All'ombra di eccelse cime nevose,
Di picchi orridi e rocciosi,
Da penosi pensieri mi sento afflitto:
Ribolle, scroscia una cascata,
Ribolle, scroscia senza posa,
Insistente, ossessiva scroscia!
È muto il bosco, sempre
Deserto, quasi un po' sinistro;
Ed ecco, brandelli d'una grigia nube,
Qua e là impigliati nella selva,
Strisciano soffici e vischiosi
Su, verso cieli sonnolenti.
Ah, monti, monti! Al più presto, via
Via di qui, a casa! Non di lor son figlio!
In Russia! Là è più lieto il cuore
In vista delle ridenti colline!
Nikolaj Michajlovic Jazykov
Vota la poesia: Commenta