Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: MAXIS

Quel giorno ti ritrovai

Non so chi tu fossi,
non ti avevo vista mai,
almeno credo,
con tutta questa frenesia si incrociano tante persone
ma non si fa mai caso a nessuno...
ma quel giorno,
quel fantastico giorno d'estate,
ti ritrovai.
Tu girata a guardare le vetrine di corsa,
io girato con la mente già al domani;
all'improvviso, le nostre strade si incrociarono,
anzi, si scontrarono,
stavi per cadere all'indietro quando ti presi al volo
e in quell'istante, i nostri sguardi si catturarono,
rimanemmo li fermi a guardarci,
l'uno dentro l'altra.
Sparirono tutte le vetrine, non esisteva più il domani,
esistevi solo tu, solo io.
Non so cosa stesse succedendo,
ma più ti guardavo
più mi sembrava di conoscerti da una vita.
In quell'istante, mi tornarono in mente
vecchi ricordi mai vissuti,
ricordi di noi due insieme,
seduti in riva al mare
a guardar il riflesso della luna sull'acqua.
Ti tirai su e senza dir nulla
ti strinsi a me,
in un abbraccio che ho sempre cercato.
D'incanto, appoggiai le labbra sulle tue,
in un bacio che ho sempre desiderato...
quel bacio che unì le nostre esistenze
per l'eternità.
Max Bolognesi
Composta sabato 19 luglio 2014
Vota la poesia: Commenta