Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Maurizio Greco

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Diario.

Scritta da: MauriDora
Un laghetto con dei cigni sopra, un salice piangente che come chinandosi bagna i suoi rami sulle sue acque.
Delle nubi bianchi sullo sfondo azzurro, la pioggia che cadendo rumoreggia su un tetto di vecchie tegole.
Il vento che muove dolcemente i rami di un vecchio pino, le radici di una maestosa quercia che attorniano un vecchio muretto tappezzato di un umido muschio verde.
Le onde del mare che bagnano una spiaggia deserta mentre dei gabbiani fermi riposano su uno scoglio appena emergente dai flutti.
Le costellazioni celesti che mute formano dei quadri sullo sfondo di miriadi e miriadi di un numero incosummerabile di stelle.
In una sola parola: tranquillità.
Maurizio Greco
Composta domenica 22 marzo 2020
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: MauriDora

    Perché a volte la tristezza?

    Perché a volte la tristezza?

    Perché a volte la tristezza
    avvolge la vita come una coperta
    avvolge un uomo in un freddo giorno
    invernale?

    Perché ci sembra di essere aggrappati
    ad una ripida parete rocciosa con un profondo
    precipizio senza fondo?

    Perché quando il sole illumina i caldi
    colori d'autunno una fitta nebbia avvolge
    i pensieri più interni dell'animo?

    Perché la vita sembra essere come un treno
    che correndo veloce sui binari si svuota dei suoi passeggeri?

    Perché le ansie ci stringono il cuore rendendo
    le emozioni grigie e tenebrose e gli
    sguardi verso il futuro cupi e silenti?

    Perché dei molti perché, dei molti ma,
    dei molti se, dei molti molti e ancora
    ma e se e perché.

    Bisogna aspettare, ancora un po'
    aspettare e vedere il sole sopra le nuvole.
    Maurizio Greco
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: MauriDora

      Il maritozzo

      Il maritozzo
      sii tosto come il maritozzo, buono come la panna, sempre del maritozzo.
      Sii dolce come il maritozzo, avvicinabile e attraente come lo è il maritozzo.
      Mangialo ogni tanto il maritozzo, con la panna ti conquisterà, è un maritozzo, un semplice maritozzo... ma quanto è buono sto maritozzo!
      Siediti calmo ad un tavolino, lascia che il tempo scorra lento, bevi un caffè accanto ad un maritozzo, gusta tutta la sua fragranza e sporcati il viso come i bimbi, lascia che la panna ti bagni il naso, le guance, i baffi.
      Se ci riesci non pensare ad altro, mozzica sto maritozzo, divoralo con gusto, poi lentamente prendi la tua tazzina di caffè nero bollente, a sorsi brevi goditi il sapore di questa unica ed inimitabile bevanda esotica.
      Rendi felici tutte le cellule del tuo corpo, fai ballare i neuroni e cantare il tuo stomaco al ritmo dei musicisti del tuo intestino, lascia trasportare questa gioia dal sangue che la porterà in ogni parte del tuo essere.
      Insomma si tosto come il maritozzo, buono come la sua panna, dolce come la sua pasta, e... ogni tanto mangiatelo un maritozzo.
      Maurizio Greco
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: MauriDora

        La supernova

        La supernova

        quando una stella esplode il cielo si illumina,
        la fine di qualcosa non sempre oscura, non sempre è triste.

        La fine potrebbe essere il principio di una grande bellezza.

        Quando si dice fine a volte vuol dire liberazione, una aspettazione da tempo attesa.

        Una fine non sempre è senza speranza ma potrebbe essere l'adempimento di promesse fatte molto tempo fa.

        La speranza avrà fine nell'adempimento dei desideri, la fine quindi a volte rende liberi non sempre oscura non sempre è triste.
        Come una stella che illumina lo spazio infinito la fine a volte illumina volti spenti e concentra lo sguardo verso un futuro luminoso.
        Maurizio Greco
        Composta domenica 9 febbraio 2020
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: MauriDora

          Il silenzio

          Il silenzio è come quando la neve scende, come la notte serena in cima ad un monte.
          Il silenzio è su una barca soli in un lago alpino, in una profonda gola dove scorre un fiume.
          Il silenzio è in un bosco d'autunno con le foglie gialle, in un prato fiorito di una campagna spersa.
          Il silenzio è come quando piove in mezzo al mare, come una spiaggia vuota in pieno inverno.
          Il silenzio è come quando pensi al tempo che se ne vola, come un cuore che piange solo.
          Maurizio Greco
          Composta lunedì 6 maggio 2019
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: MauriDora

            Il cielo incantato

            Come ulula il vento, nuvole basse ricoprono i crinali e nascondono le valli agli occhi degli indiscreti, come danza la neve sui boschi montani, che silenzio ovattato è sceso sui prati, brilla un fuoco in un camino e mani gelide cercano il calore per scaldare il cuore.

            Oh! Guarda come gli alberi si rivestono di bianco e i ghiaccioli da bere pendono dai tetti infreddoliti dal gelo notturno, ulula il vento mentre la legna arde ed il fuoco illumina visi freddi e meravigliati da tanto candore.

            Ascolta il silenzio della foresta mentre la neve copiosa scende, osserva i rami come si inchinano a tanta bellezza, contempla lo specchio di un laghetto che riflette la mole imponente di un faggio oramai bianco ma non stanco di aver visto chissà quante volte un simile splendore.

            Ulula il vento e danza la neve come in un ballo di principesse e re in un salone splendente di luci in abiti sfarzosi e collane di perle, si appannano i vetri piangenti mentre il fuoco continua a lanciare scintille in una baita coperta di bianco, sbatte la porta e rompe il silenzio mentre i fiocchi scendono e scendono da un cielo incantato!
            Maurizio Greco
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: MauriDora

              I suoni delle acque

              I suoni delle acque rimandano i pensieri molto lontano nel tempo, nei giorni dell'infanzia e della giovinezza, ove scorrevano i ruscelli e il fiume,

              il canto degli uccelli riscaldano il cuore mentre gli occhi della mente osservano i cieli dei tempi andati, il rumoreggiare del vento tra gli alberi e le foglie svolazzanti nell'aria e il loro lento cadere nel terreno ricordano i boschi degli anni verdi.

              Il sapore dei funghi, il fumo dei camini e il sapore delle castagne toccano le corde dei sentimenti più intimi, gli ulivi a novembre e l'olio sul pane ti immergono negli antichi sapori di un tempo,

              il suonar della pioggia e la foschia che copre i tetti di paesi in cima a colline colorate dalle foglie d'autunno è come un lampo dentro la mente che illumina il cuore.

              Così mentre il più interiore di te, quello che nessuno vede, sembra non sentire il correre del tempo, cìò che appare velocemente vola via nella strada buia,

              illuminata però da un futuro luminoso dove i pensieri non ritornano indietro e le sensazioni, le emozioni, i sapori non scompariranno nell'imbuto del tempo!
              Maurizio Greco
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: MauriDora

                Guarda oltre

                Guarda oltre, oltre la staccionata vedi qualcosa?
                Guarda oltre, oltre il fiume dei pensieri non noti niente?
                Guarda oltre, oltre i monti dei tuoi ostacoli non osservi nulla?
                Guarda oltre e vedrai, un mondo sorridente, un mare cristallino,
                oltre e ti stupirai, sentirai risi di gioia, visi felici, alberi in fiore,
                oltre e oltre ancora, che pace! Che serenità! Che allegria!
                Vai oltre la staccionata, il fiume, i monti e vedrai cose meravigliose,
                oltre ciò che dire, oltre qualsiasi immaginazione, oltre e niente altro.
                Maurizio Greco
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: MauriDora

                  Ed è di nuovo sera

                  Ed è di nuovo sera
                  si sono accesi i color nei cieli
                  ed è di nuovo sera, un giorno è andato, la notte viene.
                  La cena è pronta!
                  Tutti a tavola, via i pensieri,
                  ed è di nuovo sera, si spengono le luci, tutti a nanna...
                  asciugati le lacrime,
                  guarda in alto, lo senti lo zinzulare delle rondini?
                  Come sfrecciano veloci ed impavide,
                  felici si lanciano nel blu dell'immensità, ed è di nuovo sera.
                  Se è di nuovo sera abbraccia la tua cara,
                  siete ancora in vita, un giorno è andato,
                  un giorno viene e sarà ancora sera!
                  Maurizio Greco
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: MauriDora

                    Il torrente

                    Un torrente corre ripido dai monti,
                    boschi verdi di castani e salici isolati
                    lo fiancheggiano.

                    Pesci felici giocano tra le sue acque,
                    il sole penetra nel suo letto e pietre
                    levigate riflettono i suoi raggi.

                    Un ponticello di legno lo attraversa pigramente,
                    mentre un piccolo ragno tende la sua ragnatela
                    tra una tavola e l'altra.

                    Mentre le sue rumoreggianti acque
                    suonano una dolce canzone, uccelli
                    di bosco gli fanno da eco con i loro
                    numerosi cinguettii.

                    Si sente il profumo di selci e di foglie
                    di chissà quanti autunni, vecchi tronchi
                    lambiscono le sue rive e quanto avrebbero
                    da raccontare!

                    Un insetto galleggia su una foglia caduta,
                    di non si sa quale albero, in cerca di un sasso
                    ove posarsi.

                    Una leggera pioggia comincia a cadere sui castani,
                    mentre una pigra foschia si alza tra le mute piante
                    ed il torrente continua a correre per raggiungere il
                    mare!
                    Maurizio Greco
                    Vota la poesia: Commenta