Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Matilde Marcuzzo

Intanto io scrivo ....., nato giovedì 20 ottobre 1977 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Il primo battito

Quando nella coltre di molecole
il pianto echeggiò sul cielo
e dipinse uccelli e tuoni,
fui la tua nuvola.
E parean i nostri respiri opachi
il rintocco del tempo
scolpito nel granito come una stele.
Ma si frantumava già l'eterno
e funesta osservavo il sereno far capolino
che assieme ai raggi
riportava il nido di un primo battito.
Matilde Marcuzzo
Composta lunedì 1 febbraio 2010
Vota la poesia: Commenta

    Legami di porpora

    Qualcuno domanda gli anni della memoria
    che dentro un volto racchiudono le rughe dell'amicizia.
    Di certo molti, tanti ricordi al rallentatore,
    ore consumate come
    schiuma di sale e nuvole d'agosto.
    Ridere e affogare sul fondo
    di un orlo solitario
    ricamato da bevande d'arcobaleno.
    Affanni e allegria
    nei pensieri come ballerine in bilico,
    custodi amabili e fragili
    del sangue che instancabile guerriero
    ci lega come fratelli
    fra le lame del vivere incerto.
    Matilde Marcuzzo
    Composta nel dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta

      Sei come la neve

      Pensare all'improvviso di non saper nulla di te
      dall'alto della radura, mentre osservo lenta la neve cadere giù
      e il vuoto che sento si trascina lontano coi fiocchi leggeri
      come questo silenzio che io vivo da quando ti ho perso.
      Con il viso bagnato ed i passi pesanti,
      avanzando stanca
      io sposa triste di questa natura che mi conduce nel gelo,
      porto in capo un velo di vento e fra le ciglia
      si nascondono le mie lacrime di neve sciolta.
      Ma è un fuoco forte di dolore tutto il mio corpo
      che si vuole scostare dal ricordo di te, freddo uomo come la neve, presente qui oggi fra i boschi.
      Senza pietà lasci in ginocchio la tua sposa al culmine del sentiero
      la sagoma china e le mani che in preghiera serrano
      l'eco delle tue ultime parole.
      Matilde Marcuzzo
      Vota la poesia: Commenta