Scritta da: tesar
Disperata, anche se in una vita migliore...
Dove per tutti è scontato che io sia felice, perché fosse altrimenti,
io sarei un'ingrata.
Felicità di sorrisi non più rubati...
Ma perché fa così male anche questa felicità.
Piango di nuovo, gridando nel vuoto... Al vuoto.
Perché nessuno mi ascolta.
Ho paura del buio, ho paura del mondo, ho paura di me.
Ho bisogno dell'unico abbraccio che mi è stato negato...
Vorrei fare quel volo senza ali, senza cadere.
Io voglio solo vivere, ma perché allora, mi sento morire ancora.
Io vorrei solo vivere, ma forse, davvero, non ne sono capace.
Marta Gramegna
Composta mercoledì 21 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di