Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Mario Minervini

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: nergal1988

liberazione

Perso
tra i giorni
che non finiscono mai
vado avanti
senza emozioni
mi trascino tra bugie e false verità
Il buio mi circonda
mi disturba
mi assale
ha preso tutto quello che c'è vicino a me
E lo ha reso senza anima.
Provo ad accedere una luce
ma non mi conforta
non vedo la mia ombra
sento un caos di figure
che si muovono intorno a me,
a volte sembrano che abbiano pena di me
a volte per loro non esisto
ed è questo il vero tormento.
Ogni giorno metto una maschera
Provo a vivere
ma la prigione dentro me mi soffoca
vedo il mondo intorno a me su uno specchio riflesso
provo ad entrarci
ma alla fine mi chiudo ancora di più nel mio mondo.
Mi sento di urlare,
non riesco a parlare
migliaia di persone mi passano a fianco,
non le riesco a toccare
vorrei parlare
parlarci,
sembrare uno di loro
uno normale
non ci riesco
mi sembra di tradirmi.
Le parole in gola ormai sono un groviglio
sono bloccate
mi fanno stare male
mi bloccano.
L'apatia vince su tutto
E mi fa spegnere e non veder le speranze che mi circondano.
Divento isola
vorrei andare in giro
navigare tra le persone
Empatia tanto ambita e tanto sconosciuta
Invece sempre più mi fermo a pensare sul nulla
Mentre la mia vita va.
Vorrei fare migliaia di cose
riesco a fare solo progetti
Idee, false rassicurazioni
Coccolato dalla facilità del domani
Perché domani farò, dirò
mi sveglierò, mi toglierò la maschera,
sarò me stesso.
Invece oggi giorno, ogni mattina rimetto la maschera
perché è troppo più facile
è come se il domani non fosse mai arrivato
rivivo lo stesso giorno da non so più quanto
come se non fosse mai passato.
Ma sento che il mondo intorno scappa
Ed io sono fermo, in ritardo pensando a domani
Mi sento scivolare addosso
Come gelide gocce di un temporale estivo
L'amore di chi mi sta vicino
E più cerco di avvicinarmi
Più lo respingo quasi con divertimento.
Quanto vorrei farmi travolgere dalle acque di un temporale
Lasciarmi andare
Ma ogni volta che mi sento pronto esce il sole.
Vorrei essere in qualsiasi altro posto,
parlare qualsiasi altra lingua,
essere decine di persone diverse
mi preparo ogni giorno per partire ma non ci riesco mai
perché la prigione è dentro di me
il domani è il mio carceriere
tocca a me liberarmi
ed è difficilissimo
aiuta(te)mi.
Mario Minervini
Composta domenica 1 gennaio 2017
Vota la poesia: Commenta