Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: backpacker

Riflessione e canto n°11

Cuore fragile di uccello
al quale si scagliò la freccia tante volte.
Scampò ferito nella caligine
nella notte di trappole e zolfo.

La guarigione fu purificazione solitaria
nel nido dell'eterna fede.
Lo squarcio bruciante nel petto
piume color cremisi e lacrime di attesa per il nuovo volo.
Maria Leone
Composta giovedì 1 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta