Scritta da: Michela Scotto

Le lacrime

Le dissipo,
le conto una ad una
spinta dall'ardore che, con esse,
si dissolva lentamente la mia mestizia.
Mentre le sento scivolar via più tiepide
ti desidero,
mentre sgorgano inclinate dagli incavi del mio collo
ti voglio,
mentre le nascondo fra le piaghe delle mie dita
ti pretendo.
Tuttavia sono sola qui
a dissetare la mia anima,
a sfamare la mia insaziabilità,
dando sfogo all'occulto del mio essere
e tu non ci sei e non ci sarai mai.
Maria Cammarota
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di