Questo sito contribuisce alla audience di

Amori gai

Amore amore,
da quando te ne sei andato io vivo disperata,
anche se avevo la patata hai preferito la frittata.

Amore amore,
senza te più non vivo,
guardando sola al ciel quel ram d'ulivo,
innestato a forza da quel tuo amico giulivo.

Vicende moderne,
storie senza lanterne,
storie ruvide ed accasciate,
ma comunque storie d'amor serenamente sbocciate.

L'amor più ampio ed eterno,
oscilla tra i monti del paradiso e le valli d'inferno,
tragitto transalpino,
che direbbe in versi allor il celebre Dante,
Alighier di professione?

Che sia patata,
che sia melone,
ognun può ridente baciarsi sotto l'ombrellone,
che sia al maschile o al femminile,
chiamalo amor,
e non pensar com'andrà a finire.
Marco Colla
Composta venerdì 25 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta