Questo sito contribuisce alla audience di

Un Bacio d'Amore

Un vero bacio d'amore
che vorrebbe condividere con te
la persona che dimora nel tuo cuore,
dovrebbe riuscire a farti dimenticare
d'essere su questa terra,
dovrebbe metterti le ali
e darti la sensazione di sentire il tuo corpo volare nello spazio infinito,
dovrebbe farti dimenticare come ti chiami
e sussurrarti che la vita è un sogno,
dovrebbe riuscire a toglierti il fiato,
senza farti avvertire alcun bisogno
di respirare,
mentre dentro, nel sentire le tue viscere trasalire di gioia
dovrebbe farti scatenare quella voglia
che il tuo cuore accompagna,
sussultando, fino a far toccare
le corde più profonde della tua anima.
Luciano Meran Donatoni
Composta giovedì 30 giugno 2016
Vota la poesia: Commenta
    Magiche sono le sere d'estate nel guardare con te il sole che se ne va sfumando il suo bagliore.
    Ombre che si allungano, rumori che assopiscono,
    mentre una timida luna appare, dapprima leggera e poi vivace nel suo splendore
    come una vera amante del sole
    e noi siamo qui abbracciati a suggellare
    questo incanto,
    accarezzandoci con gli sguardi
    e i nostri baci di miele,
    mentre sentiamo dentro di noi,
    la gioia dei nostri cuori che stanno danzando
    l'amore.
    Luciano Meran Donatoni
    Composta lunedì 25 agosto 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Ci si trovava
      sulla spiaggia
      sotto il sorriso della luna,
      un venticello accarezzava
      i tuoi lucenti capelli,
      mentre tu mi accarezzavi
      anche con lo sguardo,
      l'onda del mare frangeva
      ai nostri piedi,
      il tepore del tuo alito
      contrastava sulla mia pelle
      la brezza della sera.
      Eravamo corpi
      che si saziavano d'amore
      irraggiati dalla luna
      e in quella luce
      abbracciavamo
      ogni sentimento
      delle nostre anime.
      Ora la mia mente
      è ancora là
      col mio cuore
      per te vestito
      di calda passione
      e fulgido amore.
      Luciano Meran Donatoni
      Composta mercoledì 10 settembre 2014
      Vota la poesia: Commenta