Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lara Segarini
Il mio mondo si sfalda sotto ai miei piedi come sabbia bagnata
le mie mani affondano nel buio più oscuro
il mio cuore si frantuma in mille pezzi di cristallo
dicono che con il tempo passa... ma se il tempo non passa come faccio?
Le ore scorrono lentamente e quell'incessante ticchettio della morte non sembra abbandonarmi.
Le nuvole scorrono frenetiche e tu stai ancora lì con lo sguardo all'aria e non ti decidi ancora e il tuo mondo crolla a pezzi...
ma tu sarai qui a sorreggermi mentre cadrò... sarai qui quando sentirai il mio cuore frantumarsi e sarai qui ad aggiustarmelo. Sarai la luce che mi porterà fuori dal buio più profondo della mia anima, sarai la mano che mi accompagnerà nei sogni più cupi, sarai la lacrima che percorrerà il mio viso quando mi renderò conto che le nuvole sono ormai sparite sopra di noi.
Lara Segarini
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lara Segarini

    Piove

    Piove
    Guardo la pioggia scorrere sotto i miei piedi
    Sento i capelli pesanti
    Alzo la testa al cielo
    Le mani conserte sotto la felpa
    Guardo in alto e non capisco se le mie lacrime scendono o è la pioggia che mi sta bagnando il viso
    Allargo le braccia strizzo leggermente gli occhi e urlo
    Urlo più che posso, urlo il tuo nome, urlo il mio dolore e la pioggia non smette di bagnarmi
    Mi accascio a terra e piango con la pioggia.
    Piango con la pioggia perché è l'unica che mi capisce!
    Lara Segarini
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lara Segarini

      L'amore per te

      È da giorni che ti sento, ma un pensiero continua logorarmi
      Un pensiero fisso
      Non riesco a togliermelo
      Vado a letto e lui è li
      Mi alzo ed è ancora presente
      Cerco di toglierlo, mi convinco di non sentirlo
      Ma c'è, continua a persistere
      Non riesco a togliermelo di mente
      Quel pensiero sei tu
      Tu... e solo tu
      Ho cercato in tutti i modi di non pensarci ma non ci riesco
      Continui a tamburellarmi in testa
      Ho cercato di dimenticarti ma non ci riesco
      Non voglio dimenticarti
      Sei parte di me fai parte di me ormai
      Un intero mese passato assieme a te
      Un intero mese passato ad osservare ogni tuo minimo movimento
      Un intero mese a innamorarti di te
      Un intero mese a volerti bene
      Non riesco a stare senza di te
      Ho bisogno di vederti, di sentire la tua voce, di vedere i tuoi occhi
      Ho bisogno dei tuoi abbracci, dei tuoi silenzi e dei tuoi sorrisi
      Ho bisogno di te
      Sei troppo importante per me
      Sono vuota senza te
      Sono una lacrima senza guancia su cui scivolare
      Sono il corpo senza l'anima per vive
      Sei parte di me sei tutto per me
      Sei l'anima che sfama il mio corpo
      Ti amo da morire ogni giorno di più
      Non smetterò mai di dirtelo e mai smetterò di provarlo!
      Ti amo!
      Lara Segarini
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lara Segarini

        Piccola mia

        Dalla finestra vedo una madre felice spensierata che gioca con il foglio, forse è troppo giovane per essere madre o forse no
        Anche il mio piccolo sta crescendo ormai si nota, non posso più nasconderlo. Ormai è tardi per tornare indietro.
        Ormai lui fa parte di me, lui è me!
        Cosa gli insegnerò? Cosa gli dirò? Cosa farò?
        Tutti mi deridono, scherzano su di me, ma perché?
        Sono solo una ragazza incinta che cerca di dare una vita meravigliosa al proprio figlio!
        È vero sono giovane e inesperta, ma crescerò crescerò per lui e con lui.
        È tutto per me! Tutto ciò che io non ho avuto glielo darò, ciò che vorrà lo avrà e ciò che non vorrà non lo avrà!
        Lui è me, me quando ero nella pancia di mia madre, quando era estate e faceva caldo, troppo caldo per noi, quando era inverno e la neve cadeva.
        Quella madre felice sarò io, io e la mia piccola Kyra.
        Lara Segarini
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lara Segarini

          Futuro incerto

          Vedo solo libri, pile e pile di libri
          libri per il mio futuro
          ma che futoro avrò?
          Cosa mi aspetterà fra 10 anni?
          Ho paura
          paura di sbagliare
          paura di cambiare
          cambiare in peggio
          paura di stare sola
          paura di essere sola
          vedo solo libri, pile e pile di libri per il mio futuro incerto
          inconsapevole di quello che mi accadrà andrò a vanti, vado avanti
          cammino nel vuoto della speranza, della voglia che mi accada qualcosa che mi stravolga la vita
          qualcosa per cui posso crearmi un futuro
          qualcosa per cui non sia sola, sola e triste.
          Vedo solo libri, pile epile di libri
          per qualcosa che succederà
          per qualcuno che verrà
          o per qualcosa che accadrà
          o forse per niente, niente succederà
          magari il futuro sarà bello intenso e felice, oppure cupo difficle e impetuoso
          cosa ne può sapere una 18enne di ciò che sara? Nessuno puo saperlo solo il destino.
          Vedo solo libri pile pile di libri per ciò che verrà.
          Lara Segarini
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Lara Segarini

            Troppi pensieri

            Troppi pensieri per la testa,
            Troppe preoccupazioni,
            Troppi problemi,
            Troppe cose nella mia testolina!
            Non riesco nemmeno a concentrarmi nello studio.
            Come fai a pensare che abbia tempo per te?
            Come fai a credere che io possa dedicarmi a noi due e al nostro amore?
            Ad un amore che solo un ventunenne può darmi?
            Un amore pieno di speranze e gioia, un amore che solo tu sai offrire!
            Quell'amore che ho sempre cercato.
            Un amore vissuto da una vita piena di dubbi, di delusioni, gioia, candore, e speranza.
            Ora non posso pensare a te!
            Ho troppe cose in mente una di quelle sei tu, ma non posso distrartelo ora!
            Puoi aspettarmi? Lo spero!
            Lara Segarini
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Lara Segarini

              Perdonami.

              Una lacrima ha percorso il mio viso
              Per depositarsi delicatamente su quel pezzo di carta ormai semi stracciato.
              So di aver sbagliato
              Avrei dovuto dirtelo prima, ma non ce l'ho fatta
              Avevo paura di perderti come sta succedendo ora
              E lo sai che io ci tengo veramente a te
              Lo sai benissimo che farei di tutto per far tornare tutto com'era prima.
              Ma so che non sarà così
              Lo si capisce dal mio e dal tuo comportamento
              Questo mi va bene
              Se vuoi tempo per pensare a cosa è successo dimmelo te lo lascerò senza problemi
              Ma ti prego non allontanarti da me
              Sei la cosa più bella che mi sia successo in tutta la mia vita.
              Ora che ho bisogno di te non, ci sei
              Mi va bene purché tutto torni come prima
              Vorrei solo avertelo detto prima e non aver commesso quell'errore inutilmente!
              Ti prego ascoltami
              Ascolta le parole che non ti ho mai detto
              Ascolta tutto questo
              Pensaci te ne prego
              Ascolta quella lacrima
              Ascolta il mio respiro mozzato
              Ascolta i miei occhi rossi
              Ascolta le mie mani tremanti
              Ascolta il mio cuore esplodermi dentro
              Ascolta tutto ciò che non ti ho mai detto
              Guardami e capisci che sto dicendo la verità
              È vero che sbaglio molto spesso
              E che me ne pento subito
              Ma sai che sono fatta così
              Sai che soffro per un nonnulla
              Sai che mi arrabbio e me la prendo x niente
              Sai come sono fatta
              Sai che ti voglio bene e non lo dico a molti
              So di averti delusa me ne rendo perfettamente conto ma non allontanarti da me
              Soffrirei troppo
              Soffrirei come una rosa che non riceve più la luce
              Soffrirei più di un'animale selvatico in gabbia
              Soffrirei troppo più di quanto tu possa immaginarti
              perché ci tengo veramente a te e tu lo sai
              Niente più lacrime scorrono sul mio viso
              ma un fiume di paura di perderti
              di tristezza, di malinconia, di ripensamenti,
              di delusioni, di parole dette e di te.
              Ormai il mio volto parla da se
              guardalo e ascoltalo,
              guarda in fondo al mio animo,
              Guarda dentro di me e capirai che ti voglio bene realmente.
              Ormai il mio corpo sta cedendo lentamente al dolore della perdita
              Non voglio che tu pensi che io stia facendo questo per farti vedere che ti penso
              Lo faccio solo per farti vedere come sono realmente
              Farti vedere come sarebbe la mia vita senza te
              Non ci sono parole per chiederti scusa
              Non ci sono scuse per farmi perdonare
              Non ci sono film per farti capire
              Non ci sono canzoni da dirti
              Ci sono solo io e questa lettera/poesia che ti do.

              Non prenderla come scusa, leggila da cima a fondo, leggila una, due, tre, quattro, cinque, sei, sette volte finché non capirai che tu sei parte di me.
              Sei come il fumo per me, non riesco a farne a meno.
              Quando abbiamo litigato la mia mamma, mi ha detto: "solo quando perdi una persona capisci quanto ci tenevi".
              Ed aveva ragione: solo dopo che mi hai detto che non volevi più parlarmi ho capito quanto eri importante per me.
              E non sto scherzando! É vero, a volte dico delle balle ma è solo per farmi accettare dagli altri o per sapere se mi parlano alle spalle, lo faccio perché devo essere sicura che ci tengano a me e se è così tendo a fere del male agli altri per poi soffrire di conseguenza, sembro una masochista, ma sono fatta così, ho sempre fatto così!
              Pensi veramente che io non mi fidassi di te? Sei l'unica di cui mi fido ciecamente oltre ad Ale! Mi fido perché so come sei fatta so come reagisci alle cose so quanto ti ha fatto male quello che ti ho fatto so come mi tratti! É vero forse non conoscerò tutta la tua vita da cima a fondo, ma vedo quello che hai dentro, vedo dentro ai tuo occhi tutte le lacrime versate, vedo tutto quello che pensi, vedo ciò che provi, vedo ciò che sei realmente!
              Ho sempre pensato che l'amicizia si basasse sulla fiducia, ma io non ci riesco sono troppo chiusa per darti tutta la fiducia che ti meriti, sono troppo infelice per aprirmi e ormai sono abituata a me, ma non riesco a far vedere come sono e invento balle per farmi accettare, ma poi mi pento e soffro per quello che ho fatto.
              Con questo concludo potrei andare avanti per delle ore ma sarebbe inutile, ormai le parole non fanno più effetto e ti lascio questo!
              Ti voglio bene.
              Lara Segarini
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Lara Segarini

                Voglio

                Non voglio un amore semplice, senza interesse
                non voglio la tua amicizia
                non voglio volerti bene e basta
                non voglio il tuo corpo
                non voglio tutto ciò.

                Voglio starti vicino nei momenti brutti
                voglio guardarti, mentre mi parli
                voglio sapere ciò che pensi
                voglio scrivere cio che fai
                voglio amarti per quello che sei
                voglio ascoltare il tuo respiro, mentre ci abbracciamo
                voglio sentire il tuo cuore che batte per me
                vorrei questo per noi due.
                Lara Segarini
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Lara Segarini

                  Perché

                  Perché
                  Perché fai così?
                  Perché distruggi tutto quello che c'è tra noi con un solo gesto?
                  Perché lo fai?
                  Perché continui a lamentarti e a sgridarmi?
                  Perché rompi le scatole tutto il giorno?
                  Con quegli stupiti discorsi che tanto non ascolto!

                  Perché tutti i santi giorni entri in camera mia urlando e rompi le scatole perché non sto studiando?
                  Perché credi che durante il giorno io non faccia niente?
                  Tu credi di conoscermi, ma non è così! Conosci solo un piccolo brandello di me, una briciola di una torta.
                  Non conoscerai mai tutto di me perché so già che non ti piacerebbe!

                  Non m'importa cosa pensi o cosa vuoi da me.
                  Lo sai perché non m'importa?
                  Perché sei solo un lurido vecchio che non ci capisce, che torna a casa e si lamenta dei figli che non vanno bene a scuola, si lamenta della casa in disordine, ma non la mette a posto, no, sarebbe troppo difficile per il suo cervello! Dici che sei stanco perché hai lavorato otto ore: io secondo te cosa ho fatto? Ho fatto sei ore di scuola, due di pullman e il pomeriggio ho studiato e fatto i compiti!
                  Faccio più io che te! Quindi stai zitto alza i tacchi e vattene!
                  Lara Segarini
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Lara Segarini

                    Il nostro litigio

                    Dopo il nostro litigio
                    Non mi hai più parlato,
                    ti sei allontanato da me
                    mi hai escluso dalla tua vita
                    ti ho chiesto scusa
                    ma niente.

                    Ora mi sento come una lacrima dispersa sul tuo viso
                    Mi sento triste come un angelo solo
                    Mi sento senza una parte di me
                    Quella parte sei tu!
                    Tu che di giorno mi sveglio con i tuoi canti
                    Tu che di pomeriggio mi riscaldi coi tuoi raggi
                    Tu che di sera mi illumini la strada con il tuo bagliore
                    Tu che di notte sei sempre presente nei miei sogni.

                    Quell'amore che io provavo per tè ora è svanito
                    Tutto per colpa mia!
                    Per la mia stupidità
                    Per la mia giovinezza
                    Per la mia inesperienza ho rovinato tutto
                    Ed ora è giusto che io ti lasci andare per la tua strada
                    Io rimarrò qui a pensare a te al tuo amore e a noi due!

                    Ripenserò a tutte quelle ore trascorse al telefono
                    alle tue parole dolci
                    alla tua voce così sensuale che mi parla dolcemente
                    che mi coccola nelle notti sole.
                    Lara Segarini
                    Vota la poesia: Commenta