Questo sito contribuisce alla audience di

Avvento

Oh luna! Quanto aprile,
e vasta e dolce l'aria!
Tutto quello che persi
tornerà con gli uccelli.

Con gli uccelli che in coro
intonano il risveglio
Pigolando, e innocenti
abitano la grazia.

È vicina la luna,
quieta nell'aria nostra.
Quello che fui mi aspetta
di là dai miei pensieri.

Canterà l'usignolo
sulla cupola d'ansia.
Rosseggiare di nubi
per il cielo dei venti!

Ma è smarrito quel tempo,
l'ho perduto? La mano
comanda, dio leggero,
una luna senz'anno.
Jorge Guillén
Vota la poesia: Commenta