Questo sito contribuisce alla audience di

Il tuo Sorriso è il mio

Sorridi.
È morto. Banalmente il difficile ma effimere affrontare
ostacoli che illudono il cuor quanto all'udito il suon di corno.
Ti vidi ed il mondo intorno a me lasciò a te il suo altare.
Solo tu laggiù in fondo... accanto a quell'indeciso forno;
Una farfalla rincorre il tempo...
Vita breve quasi quanto, di un conto, lo storno.
Abilmente mi avvicinai...
Spadellavi, sorridevi... mi allontanai.
Forse quello,
Un dolce arco disegnato,
su di un volto un prezios gioiello, pare fatato.
Tante volte da quel dì d'autunno ti ho pensato.
E poi successe all'improvviso e capitò!
Il tuo cuore perso in me lontan da me saltò.
Le dolci parol fece sue,
parlando e d'accordo con padrona anima,
Prese coraggio per un istante e le preziose chiavi fece solo tue,
il tuo rispose e quando dentro me ritornò...
l'unica tua copia riportò.
Le nascosi in compagnia di ogni sorriso,
fin che non smetterà di batter per te, il mio cuore proteggerà il il tuo fino ad allora, dal futur indeciso.
Quello scambio essenziale mi cambiò,
e per sempre per questo ti ringrazierò.
Un piccolo uomo di nome Nessuno prima o poi,
con l aiuto di una pecorella, dal gigante fuggì,
così come Ulisse mari e monti per gli occhi tuoi.
Oltre oceano a nuoto al tuo primo ti amo la mia mente partì.
Come quando, dopo tanti sorrisi quel giorno,
tanto non smetto ora, quanto non lo farò mai,
Se tu la mattina sarai il mio buongiorno.
E ancora una volta come sempre ti sognai, questa volta stranamente in colpa ma orgoglioso mi sentii,
Lo feci, promisi a me stesso di non farlo più,
Rubai le chiavi del tuo cuoricino e misi i sigilli.
Oltre il dentro di me mar, con le sue onde e sempre più giù,
coccolato dai suoi oscilli.
Ora apparirò indifferente e scialbamente disinvolto,
ma osservare sempre, sul tuo unico e dolce volto...
Ora finisco in rima al sorriso punto, e si son Colto!
Scherzi a parte amo tutto e son sincero,
emozioni così forti mai provate,
sol per te sentito il mio petto prender coltellate.
Non fraintendere di felicità e non solo, spero,
che tu con me provi lo stesso,
la mia missione non è cambiar per te me stesso,
altresì render completo ciò che mi opprime e mi circonda,
dando luce alla mia vita, da sponda a sponda.
E finisco con codeste tenere e sincere parole,
se ti sei rotta ti capisco anche la mia mente ora starà scappando altrove...
Sul tuo sorriso e i tuoi occhi si starà perdendo,
perché il mio specchio e la mia felicità sto guardando e pretendendo:
Un sol favore, come, all'antefatto della nostra favola, inconsapevolmente feci
e, magicamente ti vidi,
come finora stai facendo affermo facendo le tue veci,
tu ogni domani che ci daremo mi sorridi.
Jacopo Primo Notari
Composta sabato 27 luglio 2019
Vota la poesia: Commenta