Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ingeborg Bachmann (Ruth Keller)

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Gabriella Stigliano

Giorni in bianco

In questi giorni, mi levo con le betulle
e sulla fronte ravvio le ciocche di frumento
davanti a uno specchio di ghiaccio.

Amalgamato al mio respiro
sfiocca il latte:
così di buon'ora ha facile schiuma.
E dove il vetro appanno con l'alito
appare, dipinto da un dito infantile,
ancora il tuo nome: innocenza!
Dopo tanto tempo.

In questi giorni, non mi duole
di sapere dimenticare
e di essere costretta a ricordare.

Amo. Fino all'incandescenza io amo,
e ne ringrazio biblicamente il cielo.
L'ho imparato in volo.

In questi giorni, io ripenso all'albatro
che mi ha sollevata e trasportata
in un paese che è un foglio bianco.

All'orizzonte immagino,
fulgido nel suo tramonto,
il mio favoloso continente
laggiù, che mi ha congedata
già rivestita del sudario.

Vivo, e da lontano ascolto il suo canto del cigno!
Ingeborg Bachmann (Ruth Keller)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia

    A voi, parole

    A voi, parole, orsù, seguitemi!
    Anche se già ci siamo spinti avanti,
    fin troppo avanti, ancora si va
    più avanti, si va senza fine.

    Non vi è schiarita.

    La parola

    non farà
    che tirarsi dietro altre parole,
    la frase altre frasi.
    Così il mondo intende
    definitivamente,

    imporsi,
    esser già detto.
    Non lo dite.

    Seguitemi, parole,
    che non diventi definitiva
    – questa ingordigia di parole
    e detti e contraddetti!

    Lasciate almeno per un poco
    ammutolire ogni sentimento
    che il muscolo cuore
    si eserciti altrimenti.

    Lasciate, vi dico, lasciate.

    Non sussurrate nulla,
    nulla, dico, all'orecchio supremo,
    che per la morte nulla

    ti venga in mente,
    lascia stare, seguimi,
    né mite né amara
    non consolatrice
    né significativamente
    sconsolante,
    ma nemmeno priva di significato –

    E soprattutto niente immagini
    nella polvere, vuoto rotolare
    di sillabe, parole di morte.

    Neanche una,
    o parole!
    Ingeborg Bachmann (Ruth Keller)
    Composta lunedì 3 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta