Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bepi Zuccollo
Pubblicata prima del 01/06/2004

Savér

Savér parlare ai fiuri, al sole, al vento,
savér vardar, cò oci de putèo
el mondo, tuti quanti; e 'n cór contento
avere sempre dentro, sempre queo;

savér desmentegare tuti i torti
e, col soriso, vínser chi te ofende;
po' caminar vissin de quei pí forti
che dona sempre, e gnente no i pretende;

savér cantare anca co vien scuro,
o quando ch'el caligo sconde 'l sole;
savér sperare, e védare in quel Muro

che l'omo de schivare mai no' pole,
la porta vèrta, verso quel'Amore
che ai fiuj la so vita mai no' tóle:

mi, 'sta Sapiensa, cuno 'n tel me córe.
Giuseppe Losavio
Vota la poesia: Commenta