Questo sito contribuisce alla audience di

L'inattesa "primavera"

Sei arrivata in anticipo,
senza nessun preavviso,
il caldo ha svegliato

tutti dal letargo.
Destando perfino un "serto",
devastante come un capestro,

sta spargendo terrore,
sgomento, il polline
è già pronto. Rondine,

manchi solo tu all'appello,
speriamo che arrivi presto
con un ramoscello d'ulivo

e cacciar via il funesto
viral contagio che tanto
dolore sta riversando.
Giuseppe Castellano
Composta venerdì 20 marzo 2020
Vota la poesia: Commenta